De Zerbi esonerato dopo Cagliari-Palermo?

De Zerbi sarà esonerato da Zamparini dopo Cagliari-Palermo?

Con la quarta sconfitta consecutiva De Zerbi adesso rischia davvero molto con un presidente come Zamparini: in arrivo l’esonero dopo Cagliari-Palermo?

In casa Palermo torna di moda parlare di esonero. In nove partite di gestione De Zerbi, i rosanero sono stati protagonisti di un mezzo disastro: con l’ennesima sconfitta in casa del Cagliari, lo score del giovane tecnico è di una vittoria, due pareggi e ben sei sconfitte, un ruolino che in altri tempi non si sarebbe nemmeno raggiunto, col patron friulano che avrebbe messo alla porta il proprio tecnico molto prima. Stavolta, invece, Zamparini sembra voler temporeggiare, perchè, come il ds Faggiano, crede molto nel progetto dell’ex Foggia.

Un gioco inconcludente, una rosa mediocre

I risultati, però, danno torto all’ex centrocampista bresciano. L’unica vittoria è arrivata contro un’Atalanta che in quel periodo era la peggior squadra, mentre i due pareggi sono stati ottenuti con Crotone, unica compagine che i siciliani riescono a precedere in classifica, e con la Sampdoria. L’altro punto era già stato messo in cascina da Ballardini contro l’Inter. Risultati a parte, il problema del Palermo è nel gioco, che vorrebbe essere nelle idee dell’allenatore propositivo e spettacolare, ma che diventa imbarazzante nella messa in pratica. Semplicemente, non ci sono i giocatori adatti per quello che vorrebbe mettere in piedi De Zerbi, che non avendo trovato ancora la contromisura ora rischia davvero l’esonero.

Avanti un altro: chi vuol essere il nuovo allenatore del Palermo?

Chi al suo posto? Sono pochi gli allenatori di livello disposti a venire a Palermo: Colantuono sa già cosa vuol dire lavorare con Zamparini, ma con un annuale potrebbe convincersi. Corini e Reja le alternative: il primo ha il pedigree giusto essendo un grande ex e potrebbe essere supportato dall’ambiente, il secondo può sopperire con la sua esperienza alla mediocrità della rosa. De Zerbi aspetta la decisione del club, intanto si dice tranquillo: “Perché ho detto che forse non avrò il tempo per vedere sbocciare il mio Palermo? Perché ho letto i giornali e vi rubo il mestiere. Io non temo l’esonero. Sono convinto di avere una squadra buona, con un potenziale che col tempo si può migliorare. E’ tutto”. E’ tutto anche per quanto riguarda la sua prima esperienza in Serie A?

CAGLIARI-PALERMO 2-1, GLI HIGHLIGHTS