Derby Inter-Milan, Mazzarri e Allegri: i dubbi di formazione

Quello di domenica si preannuncia un derby anomalo e per certi aspetti, forse, potrebbe essere un derby senza precedenti. Almeno per quanto riguarda la tifoseria. La curva nerazzurra, la Nord, chiusa per volontà del giudice sportivo a seguito dei ripetuti cori contro i napoletani. Sull’altra sponda di Milano la Sud, che potrebbe manifestare solidarietà verso i cugini e decidere di non presenziare per protesta. Perché un derby senza le scenografie e il sostegno dei tifosi non può chiamarsi derby.

Sul fronte tattico, i due allenatori si spremono le meningi e studiano nei dettagli questa sfida, la più importante di Milano, in cui soprattutto i rossoneri si giocano tre punti che, ancora più di prima, risultano fondamentali. Una cosa accomuna Walter Mazzarri e Massimiliano Allegri in questo pre derby meneghino: l’assenza, su entrambi i fronti, di due pedine fondamentali, ovvero Riccardo Montolivo e Ricky Alvarez, entrambi fuori dai giochi per squalifica.

Massimiliano Allegri

L’assenza dell’argentino stravolge i piani di MazzarriAlvarez lascia un vuoto difficile da colmare. Il tecnico nerazzurro potrebbe sfidare Allegri schierando un 3-5-1-1, con Guarin alle spalle di Palacio e Kovacic sulla linea dei centrocampisti. Zanetti, uomo derby per antonomasia, è super favorito a Taider, che di conseguenza dovrebbe spostarsi al fianco di Ranocchia, probabilmente favorito a Campagnaro. In corso d’opera Mazzarri potrebbe cambiare sistema di gioco passando, all’occorrenza, ad un 3-4-2-1 con Kovacic e Guarin e Palacio come punta. Gli unici intoccabili sono Handanovic e Juan Jesus fisicamente dotato per frenare Mario Balotelli.

Sul fronte rossonero emergenza anche per Allegri. E non solo per gli infortuni. Con le spalle appesantite dalle nefaste vicende rossonere, si avvia verso l’ennesima partita in cui l’unico imperativo è vincere. Considerata l’assenza di Montolivo, Allegri potrebbe tornare al famigerato schema ad albero di Natale, arretrando Balotelli al fianco di Kakà, con Matri nel ruolo naturale di prima punta e Poli centrocampista di destra. In occasione del match con la Roma, però, Balo ha manifestato un buon dialogo con il compagno Matri, particolare che potrebbe indurre Allegri a preferire il modulo con Kakà trequartista dietro ai due attaccanti. In difesa avanti Constant considerato l’out di Emanuelson per infortunio. Confermata la coppia centrale Bonera-Zapata dopo l’atteggiamento convincente palesato nel monday night contro la Roma. Di ritorno Abbiati che sarà favorito a Gabriel e ai sciagurati interventi difensivi mostrati in sua sostituzione lunedì.

TUTTO SU INTER-MILAN

Leggi anche -> Inter-Milan, Mazzarri Vs Allegri: un derby toscano

Leggi anche ->  Inter-Milan 2013: I nerazzurri fanno ricorso contro la chiusura della Curva Nord