Derby Roma-Lazio, i Tifosi disertano l’Olimpico?

Potrebbe essere un senza tifosi il derby Roma-Lazio. Nelle settimane passate esponenti di entrambe le curve, hanno comunicato la decisione di non essere al proprio posto durante la stracittadina. Dalla scorsa partita, i supporters biancocelesti hanno deciso di non entrare più allo stadio, a causa delle decisioni della Prefettura di Roma che per motivi di ordine pubblico ha diviso entrambe le curve.

Una decisione che Gabriele Paparelli, figlio di Vincenzo, tifoso che il 28 ottobre di 36 anni venne ucciso durante un derby, contesta sperando che i tifosi laziali possano tornare sui suoi passi:“Pensare allo stadio spoglio dei tifosi – ha detto a ElleRadio – è un qualcosa di cui non mi capacito e non capisco perché ci stiano portando a questo”. Perché lo stesso Paparelli ha spiegato: “Il tifoso è cambiato, certe tragedie oggi non sarebbero più possibili, sono anni che i gravi scontri allo stadio sono solo un brutto ricordo”.

L’opinione pubblica si divide su questo argomento: c’è il partito di chi dice che questa protesta non porterà a niente e chi invece ipotizza che disertare lo stadio nel derby Roma-Lazio, è l’unico modo per lanciare un segnale forte alle istituzioni. Destino ha voluto, che nell’anno in cui, in Serie A, non sembra esserci un padrone, due delle curve più calde d’Italia debbano subire questa spaccatura. Non deve essere facile per i tifosi, vedere la propria squadra del cuore in cima alla classifica e non poter gioire. I tifosi di Roma e Lazio, al contrario di quanto accadeva negli anni passati, sono tornati in massa in trasferta.

I giallorossi domenica a Firenze, hanno riempito il “Formaggino”, mentre i laziali due settimane fa hanno letteralmente invaso Sassuolo. Biancocelesti, che dopo tanti anni hanno deciso di aderire alla tessera del tifoso, altrimenti con tutte queste restrizioni, sarebbe stato impossibile, seguire la propria squadra. Di sicuro quello che sta accadendo è paradossale: tra una settimana, potrebbe giocarsi a Roma, un derby Roma-Lazio più che mai d’alta classifica, in un clima a dir poco surreale.

Leggi anche: