Dimissioni di Prandelli: oltre al CT va via anche il presidente Abete

Purtroppo Italia-Uruguay non si è conclusa come tutti volevamo, anzi gli azzurri sono stati sconfitti per 1-o con un gol di Godin all’81esimo minuto, così la nazionale allenata da Cesare Prandelli ha chiuso il girone a 3 punti e si è piazzata terza nel girone dunque dovrà fare le valigie e lasciare il Brasile non accedendo agli ottavi di finale.

Dopo la sconfitta di questa sera, è stato tempo di riflessioni all’interno dello staff azzurro. Infatti il commissario tecnico Prandelli ha annunciato nella conferenza stampa post-partita di aver rassegnato le sue dimissioni dicendo: “Avevamo camuffato bene in quattro anni i problemi del calcio italiano. Poi siamo stati aggrediti, sia io che il presidente Abete, come se fossimo un partito politico, ho sbagliato tecnicamente e mi prendo tutte le responsabilità».

Dunque non è valsa a nulla la firma del Ct che lo legava alla nazionale italiana sino al 2016, inoltre un’altra scossa si è abbattuta sul calcio italiano dato che il numero 1 della Figc Giancarlo Abete ha annunciato le sue dimissioni affermando: “voglio favorire un momento di riflessione serio sul nostro calcio. Avevo preso questa decisione già prima del mondiale. Faccio un passo indietro e spero che sia una decisione importante anche per il ricambio nella politica sportiva.”

Leggi anche –> Italia-Uruguay 0-1: Chiellini e il Morso di Suarez (Video)