Dodò all'Inter, l'agente: "E' la migliore opportunità per il ragazzo"

Dodò è all’Inter da pochissimo e dopo l’annuncio ufficiale del suo trasferimento dalla Roma è il suo agente, Roberto Calenda, a parlare in attesa delle prime dichiarazioni del giovane esterno brasiliano che, intanto, ha già sostenuto il suo primo allenamento insieme ai suoi nuovi compagni di squadra coi quali, domattina alle 10, partirà alla volta del ritiro di Pinzolo per iniziare la fase di preparazione pre-campionato.

L’agente di Dodò spiega, ai microfoni di Voce Giallorossa, i motivi che hanno portato lui e il suo assistito a scegliere l’Inter: “Abbiamo scelto l’opportunità migliore per il ragazzo. A Milano l’organizzazione tattica di Mazzarri potrà favorirlo e, nonostante le diverse offerte dei maggiori club italiani, abbiamo scelto i nerazzurri”.

Non poteva mancare un ringraziamento alla Roma, società che per prima ha creduto in Dodò nonostante il grave infortunio del 2011: “Per i giallorossi nutriamo grande rispetto e affetto. Hanno dimostrato serietà e hanno creduto nel ragazzo anche quando si procurò il gravissimo infortunio al ginocchio. Sabatini volle firmare il contratto proprio nel giorno della sua operazione e quello fu un grandissimo gesto che né io né il ragazzo dimenticheremo mai. Nella Capitale si è trovato bene, nonostante il continuo massacro mediatico attuato da alcuni subito dopo l’arrivo a Trigoria del calciatore. Attacchi continui e volti a screditare anche l’attuale gestione societaria della Roma, colpendo un giocatore fortemente voluto e difeso da Sabatini”.

L’ultima battuta è sul futuro, su quello che sarà di Dodò con la maglia dell’Inter: “È stata una decisione presa con tranquillità e valutando tutti gli aspetti. I contatti con l’Inter risalgono a fine stagione ed è un’ottima operazione anche per la Roma, che aveva preso il giocatore a parametro zero. Dodò rimarrà sempre molto legato a questi colori ma è comunque contento di trasferirsi in una grande squadra come l’Inter”.

Leggi anche–> Dodò all’Inter: è ufficiale

Leggi anche–> Ecco chi è Dodò…