Eliminazione Italia, Ventura: “Chiedo scusa a tutti. Dimissioni? Non ancora…”

Dopo l’eliminazione dall’Italia per mano della Svezia, Giampiero Ventura si presenta in conferenza stampa visibilmente giù di morale. Tante domande sulle eventuali dimissioni e sul futuro suo e della nazionale.

Negli spogliatoi si é dimesso? quante responsabilità sente?

Non mi sono dimesso, devo prima parlare con il presidente. Un risultato che dal punto di vista sportivo é pesantissimo. Ero convinto della volontà di fare bene e la partita lo ha dimostrato. Sono orgoglioso di aver fatto parte del gruppo azzurro. Sono orgoglioso di aver lavorato con grandi campioni e con altri che lo diventeranno. Sono dispiaciuto anche perche lo stadio stasera ha dimostrato cosa significa la nazionale che è qualcosa di unico e straordinario. quindi grazie al pubblico di san siro che ha sostenuto fino alla fine”

Qual é la sua reazione? Le dimissioni sarebbero un atto di responsabilità?

Non lo so parlerò con la Federazione Bisogna valutare tante cose.”

De Rossi, Buffon Chiellini e Barzagli dicono addio alla nazionale. In questa situazione alla luce di cosa sta accadendo, come ti presenterai da Tavecchio. di cosa parlerete e in che toni?

Sempre nei soliti toni di rispetto. Sui giocatori lo sapevamo. la posta in palio era il loro mondiale come degli altri. Sono dispiaciuto e l’ho detto a loro singolarmente. Per il resto non posso parlare di qualcosa che non è avvenuto (le dimissioni eventuali)”.

Qual é stato l’errore più grande commesso? Hai detto che non hai parlato col presidente, ma dopo questa eliminazione cosa devo succedere per evitare le dimissioni?

Per succedere qualcosa prima devo parlare con loro. Prima della Svezia eravamo in linea con le aspettative. Queste due partite sono la colpa. Due partite senza aver segnato. Altre parole adesso sono assolutamente inutili”

C’è in te la voglia di non dare le dimissioni perché vuoi continuare nel progetto, nella rinascita?

“È un argomento che può essere trattato ma non è il momento. Ci vedremo con la Federazione, diro la mia, ascolterò e poi vedremo”.

Dopo questo fallimento, si sente di chiedere scusa agli italiani?

Assolutamente sì. scusa per il risultato, non per l’impegno e la volontà, ma per il risultato”.

Quello che è sembrato da fuori é che non sia mai nata l’amalgama tecnica, soprattutto dopo Madrid.

“Stasera ha confermato il contrario. non fai 90 minuti cosi se non c’è gruppo e volontà comune. ora posso solo chiedere scusa agli italiani’