Eranio frase Razzista, alla Tv Svizzera: Licenziato

Stefano Eranio accusato di razzismo e licenziato dalla tv svizzera. L’ex calciatore ha pronunciato delle frasi razziste sul difensore della Roma Antonio Rudiger, ed è stato prontamente silurato dalla televisione elvetica presso la quale lavorava fino a ieri, ovvero RSI. L’ex Milan e Genoa si è espresso, a margine della gara tra i giallorossi e il Bayer Leverkusen, pareggiata per 4-4 dai ragazzi di Garcia in una gara emozionante e sciagurata allo stesso tempo, sulla linea difensiva dei capitolini, e in particolare sul tedesco dalla pelle scura. Ecco la frase incriminata: “I giocatori di colore, quando si trovano sulla linea difensiva, molto spesso commettono certi errori perché non sono concentrati. Sono potenti fisicamente, ma quando c’è da pensare spesso e volentieri fanno questi errori”.

Questo il comunicato della televisione elvetica: “Dopo avere attentamente valutato la portata di questo commento, del tutto incompatibile con le regole e la deontologia del Servizio pubblico la Direzione della RSI ha deciso di interrompere immediatamente la collaborazione con Eranio”.

Sono parole che fanno sicuramente riflettere e discutere quelle di Eranio. Certamente non è stata un’uscita azzeccata, oseremmo dire, e l’oramai ex opinionista di RSI ne avrebbe pagato le spese. Così ha risposto l’ex centrocampista, al Secolo XIX: “Sono stato frainteso, non sono razzista e non era mia intenzione offendere nessuno”. Eranio frase Razzista, alla Tv Svizzera: Licenziato.

Leggi anche –> La gara di ieri sera

Leggi anche –> Garcia commenta la sua retroguardia