Esordienti Fair Play, i genitori litigano: squadra ritirata dal campo

Purtroppo la violenza e l’intolleranza vanno a braccetto assieme, nel calcio particolarmente. Offendere, emettere ululati per la diversità della pelle, per discriminazioni territoriali o solo per indossare una maglietta di colore diverso, a volte si arriva anche ad uccidere. Episodi del genere si verificano soprattutto tra gli adulti, ma come abbiamo visto ultimamente, le offese gratuite hanno visto protagonisti proprio i bambini nello Juventus Stadium (che si trovavano lì perché la curva era stata chiusa proprio per insulti da parte dei suoi tifosi) accompagnati a loro volta da adulti che non facevano altro che istigarli ad ingiuriare i giocatori della squadra avversaria.

Purtroppo questo non succede solo ad alti livelli, perché quante volte durante le partitelle delle categorie inferiori, i genitori dei piccoli protagonisti non perdono occasione per offendersi e, a volte, alzare anche le mani. Ha però dell’incredibile quello che è successo negli Esordienti fair play classe 2001 durante la partita Ospedalieri-Pisa (il Pisa schiera i bimbi del 2002) dove due genitori sulle tribune si sono particolarmente distinti. Tutto inizia con un “levalo” da parte di uno dei due rivolto al mister, per sostituire il figlio dell’altro non apprezzando le sue qualità calcistiche. La risposta dell’altro genitore non si è fatta attendere ed è nata una lite verbale. La lite è continuata tutto il tempo, fino a quando il mister del Pisa di nome Alessandro Birindelli ex calciatore, undici stagioni e tre scudetti con la Juve e 6 presenze in Nazionale, decide di richiamare i suoi ragazzi, l’arbitro e gli avversari e tutti lasciano il campo.

birindelli

Non c’è che dire proprio un bel gesto, ma tutto ciò rientra nello spirito di Birindelli che ha sempre educato i suoi giovani al rispetto dell’avversario e ad essere sportivi. Ovviamente ci sono stati apprezzamenti per un gesto così clamoroso, come le dichiarazioni rilasciate dal d.s. del Pisa Umberto Aringhieri: “E’ un gesto educativo e formativo. Se non si comincia a educare i genitori, i bambini, che sono i giocatori del futuro, non impareranno mai”. Si può dire una bella pagina del calcio che induce a riflettere.

Leggi anche-> Muntari contro il razzismo

Leggi anche-> Amelia: “Bambini non prendete esempio da noi adulti”