Euro 2016, Abete: “Gare a porte chiuse dopo Attentati Bruxelles?”

Dopo gli attentati terroristici verificatisi a Bruxelles questa mattina, sale l’allerta per Euro 2016 che si disputeranno dal prossimo giugno. C’è il rischio infatti di nuovi attentati in Francia proprio in occasione degli europei di calcio e, come dichiarato da Abete, la Uefa sta valutando nuove norme di sicurezza e tra queste alta è la possibilità che le partite si disputeranno a porte chiuse. 

“Il rischio che le partite si disputino a porte chiuse c’è, ma gli Europei si giocheranno”. Chiare le parole di Giancarlo Abete al riguardo. Il vicepresidente Uefa non nasconde le preoccupazioni di nuovi attentati terroristici in Francia durante Euro 2016 e se queste vi erano già a seguito degli attacchi a Parigi verificatesi a novembre 2015, i nuovi fatti di Bruxelles lanciano un nuovo allarme: “Le preoccupazioni sono doverose, è un problema che sentiamo prima di tutto come cittadini e dopo come dirigenti sportivi. Il problema della sicurezza è primario rispetto all’evento sportivo. Per ogni evento sportivo – specifica e conclude Abete – c’è una titolarità in capo ai responsabili dell’ordine pubblico che va oltre alle titolarità e alle responsabilità degli organizzatori dell’evento sportivo”. 

Leggi anche: