Ex Inter, Josè Mourinho: "La Champions del 2010 il mio successo più importante"

Lottare per lo scudetto e arrivare il più lontano possibile in Champions: quando si è allenatori in una grande squadra come l’Inter sono questi gli obiettivi che la società ti richiede di raggiungere, per considerare una stagione davvero positiva. Vincere uno dei due trofei vuol dire essere considerato un ottimo mister, vincere entrambi con l’aggiunta della Coppa Italia significa entrare nella storia del club, e farne parte per sempre. Josè Mourinho è considerato una leggenda dai tifosi nerazzurri, che gli saranno sempre grati per la grande impresa realizzata nel 2010, quando conquisto il Triplete con l’Inter.

Una stagione fantastica, culminata con il successo di Madrid contro il Bayern Monaco. Di quella Champions ci si ricorda ovviamente l’atto conclusivo, ma lo Special One considera anche un’altra partita fondamentale quanto quella: “La semifinale contro il Barcellona al Camp Nou, resistendo con un uomo in meno per un’ora contro il miglior club della storia. E’ stato qualcosa di eroico” le parole dell’allenatore del Chelsea ad un quotidiano portoghese. Continua sottolineando come il successo finale nella manifestazione sia stato Il miglior trionfo per tutto quello che ha rappresentato. Abbiamo vinto la finale al Santiago Bernabeu, laddove ci si aspettava sarebbe arrivato il Real Madrid. Era una squadra di veterani, nella fase finale della carriera, alla ricerca di un titolo che era sfuggito per molti anni. Per me è stata una grande soddisfazione perché ci ha permesso di conseguire il Triplete”.

Massimo Moratti

Ora i tempi sono cambiati: l’Inter sta lottando per ottenere un piazzamento Champions e il portoghese è tornato sulla panchina del Chelsea. Il suo legame con i colori nerazzurri ed i tifosi non è mai svanito e forse mai svanirà, e la sua voglia di tornare un giorno ad allenare l’Inter è stata più volte espressa in numerose interviste. Tutta la Milano nerazzurra sogna un ritorno dello Special One, ed in fondo anche i media sarebbero contenti di tornare ad assistere ai suoi show prima, durante e dopo le partite…

Leggi anche–> Guarin al Chelsea: “Mourinho è il numero 1”

Leggi anche–> Mercato Inter, tutte le trattative con il Chelsea