Ex Inter, libro su Mourinho: I ricordi dei suoi calciatori

Le impressioni, i commenti e gli elogi di tutti i calciatori estimatori dello Special One adesso sono in un libro. A raccontare le preziose testimonianze che meglio spiegano a aiutano a capire perché il Mou è nell’olimpo dei migliori allenatori di sempre, come si legge su gazzetta.it, ci ha pensato Rui Faria, da tanti anni assistente dell’attuale mister del Chelsea.

José Mourinho per i tifosi dell’Inter e non solo resterà per sempre un mito, di cui dalla prossima settimana si potranno conoscere alcuni dei più grandi segreti svelati appunto nel libro “Mourinho – Happy Special (The Secrets Behind His Success)”. A ricordarlo non potevano mancare i giocatori ex Inter protagonisti di quel Triplete che è entrato di diritto nella storia del calcio. Su tutti il sempreverde capitano Javier Zanetti dalle 40 primavere in nerazzurro, commovente: “Aspettavo da 15 anni di sollevare la Champions come capitano e quella sera abbiamo pianto e ci siamo abbracciati perché eravamo diventati anche buoni amici e sapevo già che stava andando a Madrid”.

Ma ad imprimere maggior forza al lavoro dello Special One all’Inter è proprio Marco Materazzi, riserva in quell’Inter imbattibile, che col portoghese ha stretto un rapporto di stima indissolubile: “E’ uno pronto a morire per i suoi giocatori e non mi riferisco solo ai titolari ma anche, come nel mio caso, alle riserve”. Su Dejan Stankovicpilastro tutto muscoli e qualità di quel centrocampo, invece viene svelato un aneddoto: “Dopo il primo scudetto, vinto a tre giornate dalla fine, venne da me e mi disse di andarmene a Dubai con mia moglie per una settimana: “hai lavorato tanto per me e per la squadra e ti meriti sette giorni di riposo”.

E per finire solo con gli ex nerazzurri la chiosa d’obbligo spetta a quel numero 10 che esordì in maglia nerazzurra nel derby contro il Milan, presentandosi a San Siro da campione e lasciando di stucco i tifosi della Beneamata. Wesley Sneijder ovviamente: “Mourinho avrà sempre un posto speciale nel mio cuore e nella mia carriera e cominciò tutto con un “domani giochi, ho fiducia in te”. E come giocò il talento olandese!!

Ma nel libro non ci sono solo testimonianze di ex Inter ma anche di tanti giocatori che sono stati allenati nel corso della loro carriera dal mago di Setùbal, alcuni tra i migliori al mondo, come Cristiano Ronaldo, ai tempi in cui lo Special era a Madrid, in una delle stagioni più complicate: “Studia gli avversari meglio di qualunque altro allenatore e conosce i punti forti e i punti deboli di ogni giocatore di ogni squadra”. Parole al miele anche quelle del bomber Karim Benzema: “mi ha fatto lavorare tantissimo sull’aspetto mentale e ora sono più forte”. Ma anche i grandi senatori del Chelsea non dimenticano l’idolo assoluto José, come dimostra proprio John Terry: “tutti noi, e non parlo solo dei giocatori, ma di tutta la gente che lavora al Chelsea, abbiamo Josè nel cuore”.

Leggi anche -> Mourinho su Ibrahimovic: “Sempre d’accordo con lui tranne quando lasciò l’Inter”

Leggi anche -> Mourinho: “Inter, tornerò”