Ex Milan, Francesco Acerbi: nuova lotta contro il tumore, il male è tornato

Non c’è pace per Francesco Acerbi. Il difensore ex Milan e attualmente al Sassuolo, dopo il tumore superato a luglio, nei giorni scorsi era risultato positivo ai test antidoping e per questo fermato dal ConiIl giocatore, sostenuto dalla società, aveva subito dichiarato la sua estraneità ai fatti: Queste accuse mi hanno dato troppo fastidio, non tanto per me, non penso a me stesso, quanto per la mia famiglia”, questo era stato il pensiero espresso ai microfoni di Tiki Taka, il difensore aveva poi aggiunto: Non ho mai preso alcuna sostanza, come sostiene  anche il comunicato del Sassuolo, e quindi è brutto essere tacciato come dopato”.

Ma il problema non si esaurisce qui. Acerbi, infatti, si è subito sottoposto ad alcuni esami medici per verificare la provenienza di questi dati sballati e, da quanto è trapelato, pare che i risultati siano tutt’altro che confortanti. La causa di tutto dovrebbe essere il ritorno del tumore che aveva già sconvolto la vita del giocatore la scorsa estate e che si è, quindi, ripresentato.

Acerbi al Sassuolo

Il difensore dovrà nuovamente lottare contro questo male e inizierà subito le cure all‘ospedale San Raffaele di Milano, dove aveva già affrontato il tumore in precedenza. Tuttavia la notizia non è stata ancora confermata dallo staff medico del Sassuolo. Non resta dunque che augurarsi che tutto vada per il meglio, facendo anche un grosso in bocca al lupo a Francesco Acerbi.

Leggi anche-> Sassuolo: Acerbi positivo a un controllo antidoping

Leggi anche-> Calcioscommesse, problemi per Gattuso

Leggi anche-> Calcioscommesse: Gattuso si proclama innocente