Ferrero patteggia 22 mesi: finirà ai servizi sociali?

VOTA QUESTA NOTIZIA

Giunge una svolta nella vicenda Livingston. Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, ha deciso di patteggiare e, accolta la richiesta dal Tribunale di Busto Arsizio, dovrà scontare 22 mesi, probabilmente impiegati nei servizi sociali.

Ferrero, nel 2009, rimase coinvolto nella vicenda legata al crac della Livingston, compagnia aerea. Ad egli era stata contestata la distrazione dei fondi. Dimostrato il ruolo marginale, l’attuale presidente della Sampdoria ha chiesto il patteggiamento che: “È stato favorevolmente accolto dal Tribunale di Busto Arsizio”, ha dichiarato il legale di Ferrero, Luca Ponti. Ferrero dovrà quindi scontare 22 mesi (un anno e dieci mesi) di reclusione, ma quasi sicuramente si opterà per una misura alternativa al carcere.

Dal momento che in passato Ferrero aveva subito una condanna definitiva, non legata all’ambiente finanziario, adesso il presidente della Sampdoria non potrà far ricorso alla condizionale. Ecco dunque che si fa strada l’ipotesi dei servizi sociali. Accolta la richiesta di patteggiamento, il numero uno dei blucerchiati potrà inoltre continuare a svolgere le sue attività imprenditoriali.

TUTTE LE NOTIZIE SULLA SAMPDORIA