Festa Milan Natale 2013, Galliani: "Potenzieremo il Settore Giovanile"

Nella serata di ieri, presso il Metropol Dolce & Gabbana di Milano, il Settore Giovanile del Milan ha festeggiato il Natale 2013. Presenti all’evento le varie squadre del Settore Giovanile con le famiglie dei vari ragazzi, allenatori, staff tecnico, ma anche membri della Prima Squadra con il mister Allegri e la dirigenza rossonera tra cui Adriano Galliani che, durante la festa, ha dato il suo benvenuto ai ragazzi e ha parlato dei progetti che riguardano tale settore che, quest’anno, sta regalando non poche soddisfazioni.

Grande assente della serata Lady B che, a causa di problemi familiari, non ha potuto prender parte alla serata come precisato da Galliani in apertura di discorso: “Barbara Berlusconi voleva essere qui, ma un impegno di carattere familiare, legato al proprio bambino, l’ha bloccata”. 

Passa poi a parlare di quelli che sono i progetti che il Milan vorrebbe realizzare con i giovani“La società vuole potenziare il settore giovanile e lo vuole fare anche fuori dal campo. Ogni squadra ha un tutor, i ragazzi sono seguiti anche a scuola. Siamo soddisfatti di come sta procedendo il settore giovanile, sta facendo bene e vorremmo che tornasse a essere quello che era quando è arrivato il Presidente Silvio Berlusconi”. Si riferisce ai tempi in cui tra i giovani c’erano Costacurta, Filippo Galli, Maldini, Baresi.

Quindi porta l’esempio di Alessandro Matri e Mattia De Sciglio anche loro presenti alla serata: “Alessandro ha esordito a Piacenza , è andato in giro un po’ per l’Italia e ora è tornato. Mattia è il prototipo perfetto per un dirigente e per un allenatore: è nato nel ’92, Bertani lo ha trovato nel Cimiano ed è costato mille euro”.

de sciglio

Infine gli auguri“Tanti tanti auguri a voi e alle vostre famiglie. Questa è la missione che diamo a chi si occupa di scouting, ma anche a allenatori, preparatori e insegnanti”.

Conclusasi la serata, Galliani si è soffermato anche ai microfoni di Milan Channel, dove ha parlato della Prima Squadra rossonera, tornando sulla partita disputata contro la Roma e sull’arbitraggio“Non mi lamento degli arbitri, sono andato a salutare Rocchi e gli ho fatto i complimenti. Su Montolivo penso che la decisione sia stata severa”.

Poi una battuta sulla questione Pirlo e sul derby: “Ieri sera sono andato a una cena con diversi giocatori, c’erano Pazzini, Matri e anche Pirlo, ma non abbiamo parlato di contratti. Quando entri in uno stadio con un settore vuoto è una ferita. Io continuo a pensare che la discriminazione territoriale ce la siamo inventati noi in Italia, non ha a che vedere con il razzismo”.

Leggi anche-> Natale 2013: la festa del Settore Giovanile Milan

Leggi anche-> Compleanno Niang: l’attaccante compie 19 anni

Leggi anche-> Filippo Inzaghi: “El Shaarawy? Si riprenderà”