Foggia-Catania, Rigoli: “Devono temerci”

VOTA QUESTA NOTIZIA

Alla vigilia di Foggia-Catania, mister Rigoli avverte i pugliesi: “Anche loro devono temerci perché siamo il Catania, non una squadretta”.

A Foggia per la prima vittoria in trasferta. È questo l’obiettivo che il Catania vuole raggiungere nel match della 12a giornata di Lega Pro che si disputerà alle ore 16.30 di domenica 6 novembre. Partita non semplice Foggia-Catania per i rossazzurri che, come sottolineato da mister Rigoli in conferenza stampa, oltre a sfatare il tabù trasferte dovranno vedersela contro la squadra più in forma del girone C: “Proveremo a fare qualcosa di importante, sapendo di avere di fronte la squadra più forte del campionato, con un’organizzazione collaudata e con giocatori, quali Chiricò e Sarno, capaci di decidere la partita in ogni momento”.

Il Foggia è “una delle pretendenti alla vittoria finale”, ammette mister Rigoli che però conferma la piena fiducia nelle capacità della propria squadra e avverte i pugliesi: “Anche il Catania è forte e se la giocherà per portare a casa il risultato. Scenderemo in campo senza timore reverenziale, anche loro devono temerci perché siamo il Catania e non una squadretta qualsiasi”. Grande fiducia in quello che potrà essere il risultato di Foggia-Catania e la prestazione dei rossazzurri, una fiducia rafforzata dai due successi consecutivi ottenuti contro Lecce e Paganese: “Dopo le ultime vittorie ci sentiamo più forti. Non sarà una partita cruciale, ma sarà bella da vivere”.

La trasferta di Foggia viene dopo la deludente prestazione degli etnei nel match di Coppa Italia contro il Messina: “Mi aspettavo qualcosa di più da parte di tutti. Ci fa male essere usciti dalla Coppa Italia, ma è ormai un capitolo chiuso. Bisogna guardare avanti e pensare al Foggia”. Non prenderanno parte a Foggia-Catania Piscitella, De Rossi e Silva, giocatori che mister Rigoli ha preferito non convocare: “Abbiamo una rosa abbastanza ampia, non sono stati convocati per scelte tecniche”. 

TUTTE LE NOTIZIE SULLA LEGA PRO