Genoa-Inter, Milito: "Io difendo la maglia dell'Inter. In campo siamo nemici, fuori no"

Domenica Milito e il Genoa si rincontreranno. Quello tra il Principe nerazzurro e  la squadra rossoblu è un amore mai finito, perché ci sono città, amici, momenti che ti restano scolpiti nel cuore, qualsiasi sia la strada che noi decidiamo di percorrere. L’attaccante argentino dopodomani scenderà in campo indossando la maglia con cui ha vinto tutto e che, come più volte, ha ribadito lui stesso, porta nel cuore.

Tuttavia, anche gli interisti sanno bene che per Milito quella di Domenica pomeriggio sarà una partita speciale, diversa dalla altre, non soltanto perché riabbraccerà – da nemico si intende – il Genoa, ma anche perché potrebbe partire dal primo minuto a fianco dell’amico e compagno di squadra, anche lui ex genoano, Rodrigo Palacio. Si tratterebbe per i due giocatori nerazzurri della prima insieme contro il loro passato.

milito genoaL’edizione di oggi de Il Secolo XIX ha raccolto una bella intervista ad un caro amico del Principe, titolare di un noto ristorante a Genoa, Fabrizio Bogo che rivela le ansie e le preoccupazioni del Principe e poco più di 48 ore dall’inizio del match: “Mi ha chiamato” – afferma Bogo – “e mi ha detto: «Fabri, vedrai che Domenica mi fischiano. Io difendo la maglia dell’Inter. In campo siamo nemici, fuori no»”. È evidente che per Milito la stima dei suoi ex tifosi è molto importante, a riprova di quanto abbia contato il Genoa nella sua vita e nella sua carriera. Nell’intervista, Bogo rivela che sabato sera si recherà nel ritiro dell’Inter per portar loro un omaggio: un barattolo di pesto, uno di crema di tartufo e, soprattutto un barattolo di sugo di Mandorle che rivela essere la vera passione di Diego.

A proposito della partita, Fabry – come Milito chiama amichevolmente Bogo – ha affermato di aver detto all’attaccante nerazzurro queste parole: “So che l’Inter viene qui per vincere. Non sta passando un bel momento. Purtroppo il Genoa ha l’abitudine di resuscitare i ‘morti’”. Bogo rivela che se un giorno Milito tornasse nella città della Lanterna è sicuro che, per lo meno, dovrebbe “raddoppiare gli spazi del mio locale”, tuttavia, non lesina a confessare di averglielo, in una delle loro conversazioni, sconsigliato: “I genoani lo amano ancora, ma io glielo sconsiglio sempre. Non vorrei che venisse cancellato il ricordo di quello che ha fatto con la maglia del Genoa”.

diego milito interNoi siamo certi che il popolo genoano Domenica riserverà al Principe il tributo che  merita, perché la stima e l’affetto che lo legano a questo giocatore unico, che è riuscito a legare a sé l’amore di ogni tifoseria dove ha giocato, va oltre la maglia che indossa.

TUTTO SU GENOA-INTER

Leggi anche-> Genoa-Inter, il video promo della gara

Leggi anche-> Milito e Palacio tornano al Ferraris da avversari