Genoa-Milan, i rossoblu carichi: analisi dell'avversaria dei rossoneri

Genoa-Milan, posticipo della 32esima giornata di Serie A, sarà una partita decisiva per la stagione rossonera. Vincere a Marassi per il Milan sarebbe fondamentale per provare la rincorsa all’Europa League. Il Genoa non è sicuramente di questo avviso e dopo la bruciante sconfitta riportata al Bentegodi di Verona, contro l’Hellas, vorrà portare a casa un risultato positivo sorretto sicuramente dal sostegno del suo pubblico.

Infatti in occasione del match, si prevede un Ferraris ribollente di entusiasmo e tutto esaurito. Sono previsti oltre ventimila tifosi rossoblù, poche centinaia invece i milanisti con un tagliando per il settore ospiti. Il tifo sarà sicuramente un fattore importante della partita ma ciò che più conta per il tecnico del Grifone è sicuramente avere a disposizione la maggior parte degli infortunati come Burdisso e Antonini e lo squalificato Portanova, assenti nell’ultima disfatta genoana.

Per l’incontro contro i rossoneri Gasp ritroverà l’intero pacchetto difensivo potendo fare scelte anche di carattere tecnico-tattiche, infatti potrà tornare alla difesa a 3 con De Maio che però pare favorito sul capitano. In mezzo al campo avrà meno abbondanza, in quanto Matuzalem non sarà ancora della partita, la coppia favorita sembra Sturaro-Bertolacci con Antonini sull’esterno sinistro e l’inserimento di Marchese in difesa. In attacco Gilardino verrà affiancato da Antonelli probabilmente e uno tra Sculli, Konatè e Fetfatzidis. Il Genoa, praticamente salvo con i suoi 39 punti, non ha molto da chiedere al campionato, ma visto le brutte prestazioni che lo hanno accompagnato in queste ultime 5 partite in cui ha perso con Verona, Juventus e Chievo; sicuramente venderà cara la pelle e davanti a un Marassi ribollente di entusiasmo cercherà di portare a casa il bottino pieno.

Leggi anche: