Infinito Trapattoni: 40 anni di panchine e nessuna voglia di smettere

Sono passati 40 lunghi anni da quel lontano 1974 che vide l’esordio di Giovanni Trapattoni sulla panchina del suo amatissimo Milan. Da allora il Trap ne ha fatta di strada ed ha battuto record su record.

Le prime gioie da allenatore arrivarono quando, dopo tre anni sulla panchina del Milan, nel 1976 approdò sulla panchina della Juventus, sulla quale rimase fino al 1986 vincendo 6 campionati, 2 Coppe Italia, 1 Coppa UEFA, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa UEFA, 1 Coppa dei Campioni ed 1 Coppa Intercontinentale.

Il 1986 è l’anno dell’approdo all’Inter, dove resterà fino al 1991 vincendo 1 campionato (settimo Scudetto personale e record come allenatore con il maggior numero di Scudetti vinti), 1 Supercoppa Italiana ed 1 Coppa UEFA. Nel 1991 tornerà alla Juventus, con la quale vincerà la sua terza Coppa UEFA (record come allenatore con il maggior numero di Coppe UEFA vinte).

Il 1994 vede Trapattoni emigrare in Germania sulla panchina del Bayern Monaco. Con la squadra Tedesca vincerà 1 Campionato Tedesco, 1 Coppa di Lega Tedesca ed 1 Coppa di Germania. Da ricordare anche i campionati vinti alla guida del Benfica e dei Red Bull Salisburgo.

Pagina funesta, invece, è quella che riguarda le nazionali. Come ben sappiamo, il Trap è sempre stato sfortunato alla guida delle nazionali. Gli Italiani ricorderanno, sicuramente, la triste pagina dei Mondiali Coreani e dell’arbitro Moreno. Non da meno fu il famoso “biscotto” tra Danimarca e Svezia ai danni dell’Italia agli Europei 2004.

L’episodio più recente, però, è quello che vede il goal di Henry, che aiutandosi con la mano, mette la palla in rete ai danni dell’Irlanda. Quel gesto scorrettissimo costò l’esclusione della squadra del Trap dai Mondiali 2010.

La lunga storia di Trapattoni, però, non sembra voler finire. Recenti notizie, infatti, lo vedono vicino al Sydney di Del Piero.

Leggi anche –> Che fine ha fatto Andrea Stramaccioni: da allenatore a commentatore di Fox Sport

Leggi anche –> Che fine ha fatto Luigi Del Neri: disoccupato dal curriculum (quasi) vincente