"Insigne è Juventino", le proteste dei tifosi del Napoli

Il gesto irriverente di Lorenzo Insigne conseguente alla bordata di fischi che il San Paolo gli ha regalato al momento della sua sotituzione ha creato una spaccatura profonda. Questa crepa fra il giocatore e Napoli è stata ancora più accentuata dalle parole della moglie che, al termine della partita, ha scelto Instagram come valvola di sfogo per esprimere tutto il suo disappunto per quello che era successo poco prima sul campo da gioco; queste le sue parole: “Oggi sbaglia e subito a puntargli il dito, domani segna e diventa una santo…ma andate a f****** tifosi occasionali del c****” – poi continua – “Non lo meritate a Napoli”. 

Il tutto è, poi, sfociato nell’insulto di un gruppo di ultras napoletani che stavano aspettando, all’aereoporto di Capodichino, la squadra che era in partenza per Bilbao. Un tifoso avrebbe detto: “Sporco interista! Se non vuoi restare a Napoli, vattene!”. Un altro avrebbe invece “accusato” Insigne di essere tifoso Juventino. Il calciatore non ha risposto non ha risposto, anzi ha abbassato il cappellino sugli occhi e trascinando il suo trolley è andato dritto verso l’aereo.

Leggi anche —>Sportmediaset: Juve su Insigne dopo i fischi del San Paolo

Leggi anche —>Convocazioni Mondiali 2014: Rossi si sfoga su Twitter per l’esclusione