Inter-Catania, come arrivano le due squadre al match?

Domenica prossima alle ore 15 la serie A ha in tabellone, per la 20esima giornata del campionato, Inter-Catania, partita cruciale per entrambe le formazioni. In casa nerazzurra, occorre scacciare parecchie ombre e musi lunghi che ormai permangono stabilmente ad Appiano, poichè nelle ultime otto gare di campionato l’Inter ha portato a casa i tre punti solo nel derby, il resto sono stati tanti pareggi a singhiozzo e le sconfitte contro Napoli, Lazio e Genoa.

A Mazzarri & CO. il compito di tornare a vincere allontanando la crisi di risultati e di prestazioni che rischiano di far uscire la formazione milanese anche dalla zona Europa League. Per portare serenità all’ambiente, scosso anche dalla tragicomica vicenda Guarin-Vucinic, Mazzarri è intenzionato a tornare al vecchio 3-5-1-1 con Palacio unica punta e Milito pronto ad affiancarlo a gara in corsa. Sempre indisponibile Icardi, mentre resta da risolvere il rebus Guarin: sarà a disposizione della squadra o dovrà star nuovamente fuori?

guaro

In casa etnea, dimenticati i fasti della scorsa stagione, lo spauracchio della serie B è ormai un’immagine concreta con cui fare ogni domenica i conti. Dopo il cambio di guida tecnica e il ritorno di Maran in panchina, subentrato a De Canio, il Catania, ultimo in classifica a pari punti con il Livorno, deve invertire la marcia e dare concretezza alla sua corsa salvezza.

Nelle ultime tre con il nuovo mister ha collezionato tre punti, perdendo lo scontro salvezza a Bergamo contro l’Atalanta. Per la gara di domenica gli etnei proporranno il 4-3-3 con il trio Bergessio-Keko-Castro davanti. Assenza pesante in casa dei siciliani è quella di Barrientos, squalificato. Per dare una sterzata alla stagione tribolata di entrambe le formazioni, la vittoria è l’unica medicina possibile, dando così al malato concrete speranze di guarigione.

TUTTO SU INTER-CATANIA

Leggi anche -> Inter-Catania: Tutti gli ex delle due squadre

Leggi anche -> Inter-Catania, Milito: “Conta solo conquistare la vittoria”