Inter-Catania, Mazzarri in conferenza stampa: "Guarin non convocato"

Tanti gli argomenti toccati da Walter Mazzarri durante la conferenza stampa alla vigilia di Inter-Catania. In primis il caso Guarin, col colombiano che non sarà convocato per il match contro gli etnei per permettergli di recuperare serenità dopo le vicissitudini di mercato degli ultimi giorni che lo hanno visto molto vicino alla Juventus.

Queste le parole su Guarin: Domani non convoco Guarin. Tutte le mie energie in settimana sono state spese per far concentrare la squadra solo alla partita. E bisogna avere la testa libera. Al di là di tutte le parole, c’è il campo. Da sempre c’è una rivalità di campo con la Juve. I ragazzi da una parte e dall’altra daranno tutto. Se l’operazione Guarin-Vucinic aveva il mio ok? Non parlo di mercato. La panchina di Genova condizionata da questa operazione? Io devo solo parlare del Catania, il Genoa è passato, ho fatto certe scelte e ho detto come è andata la partita. Un mio collega non si è neanche presentato in conferenza stampa. In questi giorni ho fatto vedere la partita di Genova e ho voluto sincerarmi che i ragazzi la pensassero come me. Io ho dovere di far rendere i giocatori al massimo isolandoli da tutto. Il momento va superato con la concentrazione, con un lavoro più attento cercando di metterlo in pratica in campo. Io credo che i giocatori hanno più voglia di me di riscattarsi. “

guaro

Mazzarri analizza poi la squadra di Maran: “Il Catania? Sappiamo che da una partita a un’altra una squadra si può trasformare. Pensavo che potesse essere più in classifica. Noi dobbiamo pensare a svoltare in qualche modo, fare i punti che ci sono mancati in queste partite. A Genova la squadra mi piaciuta ma se poi non raccogli… Chiedo ai ragazzi di non pensare a niente, di fare il nostro calcio nel modo migliore, cinici sottoporta e che gli episodi ci diano ragione. Penso solo alla partita di domani: bisogna cercare i tre punti in tutti i modi perché vengano rivalutate le prestazioni. Le altre gare importanti sono partite per assurdo meno difficili sulla carta rispetto per esempio a quella col Catania. A me piace di più affrontare squadre a viso aperto e in quel caso possiamo fare bella figura con tutte.”

In sala stampa qualcuno chiede lumi su un possibile addio a fine anno: “Io penso al Catania, non al futuro.” Infine, Mazzarri si esprime sulla contestazione della curva alla società per le discutibili manovre di mercato: “Il pubblico dell’Inter è competente, è equilibrato. Se si vuole bene alla squadra, bisogna aiutarla. Se i ragazzi stanno dando 100 e si sentono aiutati possono anche dare di più. Il tempo è importante, questo passaggio societario è stato fatto a campionato in corso. Non dobbiamo dimenticarcelo. Noi siamo sempre in contatto con Thohir, la sua presenza è importante.”

TUTTO SU INTER-CATANIA

Leggi anche–> Inter-Catania, le possibili formazioni

Leggi anche–> Inter-Catania, tutti gli ex

Leggi anche–> Inter-Catania: incrocio tra Icardi e Maxi Lopez