Inter, Dodò: "Mazzarri decisivo nella mia scelta"

Arrivato all’Inter da nemmeno due settimane, Dodò sembra essersi già pienamente ambientato nella nuova realtà. In attesa del ritorno di Nagatomo dalle vacanze, Mazzarri ha affidato a lui la fascia sinistra e l’ex difensore della Roma si sta dimostrando tra i più positivi in questi primi giorni di lavoro. Dodò, al Corriere dello Sport, ha raccontato le sue impressioni su questa nuova esperienza da poco iniziata, elargendo complimenti alla società e al tecnico per il lavoro sin qui programmato e svolto.

Il suo procuratore aveva dichiarato che l’Inter era la miglior scelta per Dodò che, dal canto suo, conferma queste parole: “Sono stato contento e mi ha fatto piacere dopo due anni con la Roma che una squadra così importante come l’Inter pensasse a me. Insieme al mio procuratore abbiamo capito che questa era la migliore opzione per me ed eccomi qua”. La presenza di Mazzarri è stata decisiva per spingere Dodò all’Inter: “Ha pesato tantissimo la presenza di Mazzarri per venire qui all’Inter. Gli esterni con lui fanno bene perché Mazzarri dà grande importanza allo sviluppo del gioco sulle fasce. Ero consapevole di questa fama del nostro allenatore e non ho avuto dubbi”. 

dodo all'inter

Esterno sinistro, ma un passato da giocatore offensivo per Dodò“Ero un centrocampista offensivo o all’occorrenza un trequartista e affinavo la tecnica disputando tre partite a week end: una di calcio a 5, una di calcio a 8 e una di calcio a 11. Ho iniziato per strada, ma sono l’unico sportivo della mia famiglia perché né mio padre né mia sorella hanno mai fatto sport. Quando a 15 anni sono arrivato al Corinthians il mio allenatore di allora ha deciso di sfruttare sulla fascia la mia corsa”. 

Dodò ha chiari in mente gli obiettivi per la prossima stagione“Far meglio dello scorso anno in campionato e disputare un bel torneo anche in Europa. Sarebbe importante arrivare fino in fondo all’Europa League per l’Inter, ma anche per l’Italia che vuole risalire nel ranking Uefa”. Migliorarsi, con un occhio allo Scudetto: “Questo è un progetto importante che nei prossimi anni prevede che la squadra sia rinforzata con nuovi acquisti e con la crescita dei giovani. Come ha detto il presidente Thohir l’obiettivo è vincere lo scudetto nei prossimi anni”.

dodò roma

Dodò parla anche di mercato e in particolare del riavvicinamento tra l’Inter e Lamela, suo ex compagno di squadra a Roma: “Erik è giovane e forte. Lo scorso anno ha avuto delle difficoltà a livello fisico in Inghilterra, ma rimane un campione e se dovesse venire all’Inter, ci aiuterebbe tanto”. Dodò spera di conquistare anche la Nazionale brasiliana grazie all’Inter: “E’ il mio obiettivo e, dopo le chiamate con l’Under 17 e l’Under 20, sono convinto che l’Inter mi darà la spinta per arrivare nella Seleçao. L’Inter mi ha presentato un progetto nel quale posso essere più partecipe. A livello personale avrò una visibilità molto grande e per me potrà essere utile anche in chiave nazionale”. 

Leggi anche–> Dodò all’Inter, l’agente: “Non potevamo desiderare di meglio”

Leggi anche–> Dodò: “Sento già l’affetto dei tifosi”

 

Leggi anche–> Juan Jesus: “Dodò? Un gran giocatore”

 

Leggi anche–> Dodò: “Mazzarri maestro di calcio”

Leggi anche–> Dodò: “Lavoriamo duro per essere perfetti”