Inter in Ritiro a Pinzolo, terza giornata di allenamenti: nel pomeriggio lavoro tattico

Con la seconda seduta di giornata si è chiusa la terza giornata di allenamenti dell’Inter nel ritiro a Pinzolo. Se in mattinata i ragazzi di Mazzarri avevano lavorato principalmente sui circuiti di forza e sull’organizzazione tattica, nel pomeriggio il leitmotiv è stato soprattutto il lavoro tattico sul 4-4-2. Il tecnico toscano in questi giorni, infatti, sta provando diverse soluzioni per la sua squadra: sino ad ora, sono stati provati anche altri moduli come il classico 3-5-2 e il 4-4-1-1.

La squadra è arrivata sul campo del Pineta poco prima delle ore 17. Dopo ovazioni e applausi da parte del nutritissimo pubblico sugli spalti (circa 2500 tifosi per Ranocchia e compagni), è giunta l’ora dell’inizio della seduta. Dopo una breve fase di riscaldamento collettiva, i portieri si sono allenati in disparte col preparatore Nunzio Papale, concentrandosi su parate, velocità e reattività nel breve. I giocatori di movimento, insieme a Mazzarri, si sono invece dedicati ai movimenti di squadra in fase difensiva con due gruppi organizzati secondo il modulo 4-4-2.

Al termine del lavoro tattico, la terza giornata di allenamenti dell’Inter in ritiro a Pinzolo si è chiusa con la classica partitella a tutto campo. Da una parte gli arancioni col 3-5-2 (Carrizo, Andreolli, Ranocchia, Juan Jesus, D’Ambrosio, Kuzmanovic, Krhin, Obi, Dodò, Botta, Icardi) opposti ai bianchi, sistemati invece col 4-4-2 (Handanovic, Sciacca, Vidic, Silvestre, Mbaye, Schelotto, Palazzi, Steffè, Laxalt, Puscas, Bonazzoli). Nella mezz’ora di gioco concessa da Mazzarri è Mauro Icardi a decidere le sorti del match con l’unico gol di giornata. Bene Vidic, che non aveva brillato molto nelle prime sedute. Nel finale, squadra di nuovo di corsa per il campo per il solito recupero defaticante al termine della seduta.

INTER A PINZOLO: TUTTI GLI SCATTI DEL RITIRO

TUTTE LE NOTIZIE SUL RITIRO DELL’INTER A PINZOLO

Leggi anche–> Pinzolo, seduta mattutina 12 luglio: Ausilio osserva la squadra

Leggi anche–> Pinzolo, Vidic non brilla: i motivi