Inter-Juventus 0-0, le Pagelle dei Bianconeri (18 ottobre 2015)

Il 192° derby d’Italia si chiude a reti bianche, dopo una partita tesa, nervosa, ma ricca allo stesso tempo di capovolgimenti di fronte e occasioni da rete. Nel primo tempo meglio l’Inter di Mancini, capace di sfiorare il vantaggio con Brozovic, che riceve da corner e disegna un destro a giro che Buffon devia sulla traversa, salvando la Juventus dal possibile 1-0. Nella ripresa, la Vecchia Signora esce dagli spogliatoi con una testa diversa e attacca a testa bassa. Cuadrado semina il panico sulla fascia destra, mentre Barzagli, migliore in campo, blocca sul nascere ogni iniziativa dei padroni di casa.

Ecco le pagelle della Juventus:

BUFFON (Voto 6,5): Viene impegnato due volte nell’arco dei 90 minuti, e in entrambe risponde presente. Straordinario nella prima occasione, quando devia sulla traversa il destro a giro di Brozovic;

BARZAGLI (Voto 8): E’ lui il migliore in campo. Sontuosa la sua prestazione. Un muro in difesa, dalle sue parti non passa mai nessuno e, tanto per cambiare, si fa trovare pronto anche in fase offensiva, proponendosi spesso alle spalle di Cuadrado;

BONUCCI (Voto 6,5): Solita personalità da grande campione e guida bene la difesa. Unica macchia: l’errore che ha fatto partire un pericoloso contropiede dell’Inter, poi mal sfruttato dai nerazzurri;

CHIELLINI (Voto 7): Grande partita la sua. Quando Icardi decide di tagliare e fare movimento verso il lato sinistro del campo non riesce mai a girarsi, perchè contrastato egregiamente dal numero 3 bianconero. Inoltre, salva quasi un gol nel primo tempo, entrando in scivolata su Perisic e anticipando l’uscita di Buffon;

CUADRADO (Voto 7,5): Lui è l’uomo più pericoloso della Juventus. Ogni volta che si presenta uno contro uno col suo diretto avversario crea sempre apprensione, seminando il panico nella difesa nerazzurra. Non riesce, però, ad essere incisivo in zona gol, dove gli manca ancora qualcosa;

KHEDIRA (Voto 6): Sciupa malamente la più grande occasione creata dalla sua squadra. Per il resto, gioca una partita ordinata, gestendo bene ogni pallone e aggredendo gli avversari nella sua zona di competenza;

MARCHISIO (Voto 5,5): E’ ancora indietro di condizione e si vede. E’ appena tornato da un infortunio molto fastidioso, ma il suo recupero è di fondamentale importanza, sia per la squadra che per lo stesso Allegri. Si sono riviste le sue geometrie e la sua intelligenza tattica, ma può fare sicuramente di più;

POGBA (Voto 6,5): Un primo tempo sottotono. Nella ripresa, invece, acquista fiducia e prova  a prendere in mano la squadra, trascinandola soprattutto in alcune circostanze, gestendo con eleganza il pallone. Possiamo dire di aver visto appena il 60-70% del vero Pogba fino a questo momento: i tifosi bianconeri esigono un atteggiamento e una concretezza maggiore da parte del francese;

EVRA (Voto 6,5): Non si risparmia mai. Fa su e giù sul versante mancino, scambiando più volte col connazionale Pogba e ricevendo puntualmente la sponda di una delle due punte. Se Alex Sandro continua a rimanere in panchina, un motivo ci sarà;

ZAZA (Voto 7): Partita di grande sacrificio la sua. Attacca sempre i difensori dell’Inter in possesso di palla, costringendoli spesso all’errore o a lanciare lungo in avanti. In alcune circostanze pecca di egoismo, ma fa parte dell’essere attaccanti. Può solo migliorare, di sicuro Allegri ha una grande considerazione di lui; (sost. DYBALA: s.v.)

MORATA (Voto 6): Tornava da un infortunio, quindi non era neanche all’80% della condizione atletica. Si impegna, corre e aggredisce gli avversari, ma è ancora poco incisivo davanti. La cosa più bella della sua partita è l’assist per Khedira, che fallisce clamorosamente il gol vittoria dinanzi ad Handanovic. (sost. MANDZUKIC: Voto 5,5)

TUTTE LE NOTIZIE SU INTER-JUVENTUS