Inter-Juventus, Mancini: “Sfida importante, non decisiva”

Alla vigilia del big match dell’ottava giornata di Serie A, ha parlato in conferenza stampa Roberto Mancini, che ha presentato così il 192° derby d’Italia: “Non siamo favoriti come Allegri sostiene, è la Fiorentina ad essere in testa alla classifica. Sappiamo che il campionato sarà lungo e difficile per tutti. Io ho sempre detto – aggiunge – che Napoli, Juventus e Roma sono più attrezzate per vincere il campionato, poi noi siamo lì e vogliamo rimanerci. La partita di domani è importante ma non decisiva, vincere ci darebbe grande entusiasmo, il che sarebbe fondamentale per la squadra”.

I nerazzurri, vincendo, potrebbero fare il definitivo salto di qualità? “E’ una sfida importante, perchè affrontiamo la squadra che ha vinto gli ultimi campionati e ha recuperato tutti gli infortunati. Per noi sarà molto importante a livello di testa e ci farà capire se potremo rimanere in alto per tutto il campionato. Noi siamo secondi, la classifica è corta, e sono d’accordo con Moratti sul fatto che l’Inter possa essere spensierata, ma ciò non toglie che dovremo sempre essere concentrati al massimo se vogliamo raggiungere il nostro obiettivo”.

Battere la Juve significherebbe escludere dalla corsa scudetto una diretta concorrente: “Vincendo andremmo a +11 su di loro, ma hanno un organico capace di fare un filotto di partite e rimettersi in carreggiata. Ovviamente, avendo le coppe sarebbe molto più faticoso e difficile. Se domani vinciamo 1-0 giocando male, andrebbe benissimo”.

Dubbi di formazione:Kondogbia? E’ un grandissimo giocatore, crediamo molto in lui ma è giovane ed è in Italia soltanto da due mesi. Lui non è certo un problema. Il 4-2-3-1 è un sistema che proveremo quando avremo tutti i giocatori per due-tre settimane di seguito. Per quanto riguarda gli uomini, ho solo due dubbi riguardanti i nazionali”.

INTER-JUVENTUS: PROBABILI FORMAZIONI