Inter-Milan: le trattative intercorse tra le due società

Il derby di Milano da sempre rappresenta una partita di profonda importanza per Milan, Inter e per i tifosi delle due squadre. Infatti, sin dalle prime edizioni, ha sottolineato la netta opposizione tra le due fazioni, opposizione che a distanza di anni continua a persistere e ad animare la stracittadina. Tuttavia Milan e Inter, negli anni, oltre che a dare spettacolo sul campo, si sono contraddistinte sul fronte del mercato: diverse, infatti, sono le trattative intercorse tra i due Club e diversi sono i calciatori che sono passati dai colori nerazzurri a quelli rossoneri e viceversa.

Tra questi ricordiamo Andrea Pirlo che, approdato all’Inter nel 1998 all’età di 19 anni, passa al Milan nel 2001. Nella prima stagione con i nerazzurri Pirlo viene più volte lasciato in panchina. Debutta in Champions League ma il Club nerazzurro non riesce a vedere le potenzialità del giocatore che viene quindi ceduto in prestito prima alla Reggina e poi al Brescia, dove, però, è costretto a fermarsi da aprile a giugno per via di una frattura al metatarso del piede. Quindi nell’estate del 2001 approda al Milan dove rimane al 2011. In rossonero vive una prima stagione non da protagonista, riuscirà  a crearsi uno spazio nella seconda stagione a seguito degli infortuni di Gattuso e Ambrosini. Al Milan, su indicazione del tecnico Ancelotti, cambia posizione situandosi davanti alla difesa e vince: una Coppa Italia, due Scudetti, una Supercoppa italiana, due Champions League, due Supercoppa Uefa, un Mondiale per Club.

Pirlo Ronaldo

Clarence Seedorf altro affare concluso tra Inter e Milan. Esordisce con la maglia dell‘Inter nel gennaio del 2000, passerà in rossonero nel 2002 attraverso la trattativa/scambio che porterà ai nerazzurri Francesco Coco. Titolare inamovibile e pilastro del centrocampo rossonero, tante le emozioni regalate e i traguardi raggiunti con la maglia del Milan. Tra questi ricordiamo nel 2007 il premio della Uefa come Miglior centrocampista nelle competizioni europee.

Sulley Muntari, così come gli altri sopracitati, ha vestito entrambe le maglie passando dall’Inter al Milan, squadra quest’ultima in cui ancora milita. Un discorso un po’ diverso va fatto per Giampaolo Pazzini che, giunge al Milan dall’Inter entrando in una trattativa di scambio che porta Cassano sul fronte nerazzurro.

Quindi da ricordare Mario Balotelli che, pur non passando direttamente da una squadra all’altra, è comunque uno degli ex più d’impatto. Approdato nelle giovanili dell’Inter nel 2006, esordisce in Serie A in maglia nerazzurra nel dicembre 2007. Ma il suo rapporto con i tifosi e con i colori nerazzurri è di amore e odio, tanto che nelle semifinale di Champions disputata  contro il Barcellona (aprile 2010) viene ripetutamente sgridato dall’allora tecnico Mourinho e, come reazione, getta in terra con violenza la maglia dell’Inter. A questo si aggiunge la confessione sulla sua “nascosta” fede rossonera. Mario verrà quindi ceduto al Manchester City, dove ritrova l’allenatore che lo face debuttare in Serie A, Mancini, e nel gennaio 2013 approda al Milan.

Mario Balotelli

Questi sono solo alcuni dei calciatori che, chi più chi meno, hanno vestito entrambe le casacche. Tra gli altri ricordiamo anche Hernan Crespo; Ronaldo, per tanto tempo idolo dei tifosi nerazzurri che, dopo una parentesi al Real Madrid, ha raggiunto nuovamente Milano vestendo rossonero; Zlatan Ibrahimovic protagonista nell’Inter dal 2006 al 2009 e nel Milan dal 2010 al 2012. Per concludere, come ciliegina sulla torta, ricordiamo l’indimenticabile Giuseppe Meazza che rappresenta il punto di incontro tra le due tifoserie.

Leggi anche-> Amarcord Inter-Milan: la vittoria rossonera del 2001

Leggi anche-> Derby Milano: ecco come nacque la rivalità tra Milan e Inter

Leggi anche-> Derby Milano: Zlatan Ibrahimovic grande ex