Inter-Milan, Shevchenko: "Un derby fa aumentare la fame, forza ragazzi!"

Mancano ormai poche ore e i riflettori di San Siro si illumineranno per dar luce a un grande spettacolo: il derby Inter-Milan. Una partita mai banale e sempre ricca di emozioni e tensione, ma che quest’anno ha già fatto molto parlare. L’annullamento della squalifica della Curva Nord, quella interista, e il divieto di realizzare le consuete coreografie imposto dalla Questura di Milano alla Curva Sud, quella rossonera, non sono certo passati inosservati. Un derby particolare, dunque, per i tifosi che si augurano di vedere in campo il bel calcio.

Protagonista indiscusso di diversi derby è stato Andriy Shevchenko che, con i suoi ben 14 gol, è entrato di diritto nella storia della stracittadina milanese, diventandone il capocannoniere in assoluto. E proprio il grande Sheva ha voluto ricordare quelle partite e quei momenti in una lettera indirizzata a La Gazzetta Sportiva: “I gol del derby  mi sono sempre rimasti impressi, così come i duelli con Cordoba, e il fatto di essere l’attaccante che ha segnato più gol all’Inter mi rende orgoglioso. Non ce l’ho con l’Inter, però è la rivale di tante belle partite. È la rivale del periodo in cui dominavamo in Europa e per andare avanti dovevamo passare anche sul prato dell’Inter, che poi era anche il nostro”.

shevchenko

Ne ha vissuti tanti di derby il campione ucraino, ma quello che ricorda con più piacere è: Il doppio confronto di Champions League che ci ha portato alla finale di Manchester. Zero a Zero a casa nostra, San Siro, uno a uno a casa loro, sempre San Siro: sono i dettagli a fare la differenza nel calcio, i dettagli e la capacità di cogliere le occasioni”.

Parla poi del suo rapporto con l’altra fazione di Milano, quella dei tifosi nerazzurri“Credo di essere stato negli anni un avversario rispettato dai tifosi interisti che poi incontravo per strada o al ristorante. Questo rispetto mi è rimasto dentro, sovrastato soltanto dall’affetto dei tifosi rossoneri che hanno sempre diritto a una parte grande del mio cuore”.

Conclude poi dando un consiglio ai giocatori del Milan di oggi, soprattutto ai giovani: “Un derby fa aumentare la fame ed è quello che i giovani devono coltivare. Avere fame ti fa vincere e, siccome la classifica è un po’ così, la fame è tanta. Forza ragazzi!!”

Leggi anche-> Inter-Milan: Shevchenko il capocannoniere dei derby di Milano

Leggi anche-> Inter-Milan, Kakà: il primo gol in rossonero nel derby del 2003

Leggi anche-> Inter-Milan: un derby senza coreografie