Inter-Napoli, Benitez: "Non saluterò Moratti. Mazzarri ha fatto bene"

A poco più di 24 ore dall’inizio di Inter-Napoli, Rafa Benitez accende la partita direttamente dalla sala stampa di Castelvolturno dove il tecnico spagnolo ha risposto a diverse domande in vista del match di San Siro, non lesinando stoccate al suo ex presidente Moratti e riservando parole di stima per il suo collega Mazzarri, suo predecessore a Napoli fino alla scorsa stagione.

Con la Coppa Italia dietro l’angolo, Benitez non vuole però cali di concentrazione, almeno fino a quando non ci sarà la matematica certezza del terzo posto e per questo invita i suoi a non lasciare nulla di intentato contro l’Inter: “Tutti sappiamo che è una partita importante per tutte e due le squadre. Noi per blindare il terzo posto, loro per l’Europa League. La mia esperienza all’Inter mi lascia un ricordo molto positivo, abbiamo vinto due titoli: si è detto ormai tutto, guardiamo avanti. Io penso solo al Napoli, al campionato che stiamo facendo: io sono contento, non mi curo delle critiche. Noi andiamo a San Siro senza pensare alla finale di Coppa Italia. Quella di Milano è adesso la partita più importante: nessuna scelta conservativa dunque, giocheremo senza pensare alla Fiorentina e anche nelle mie scelte tecniche terrò conto solo del campionato. Ho quasi tutta la rosa a disposizione: anche Henrique e Callejon hanno lavorato col gruppo e stanno bene. Ci sono tante motivazioni, per me, per i giocatori, per Higuain che cerca di vincere la classifica cannonieri. Per tutti insomma! Certo la sfida contro l’Inter, intensa e difficile, mi darà indicazioni su chi è pronto per giocarsi la Coppa Italia: questo è quello che devono sapere i miei giocatori”.

Una battuta, poi, su Walter Mazzarri: “Mazzarri? Qui ha fatto bene. Io ho lavorato sul cambio di mentalità utile per la mia visione di gioco, per la crescita che ho in mente. L’Inter di oggi resta una squadra di massimo livello, con giocatori forti e motivati, vogliosi di arrivare in Europa. Calciatori esperti e capaci che renderanno la partita molto difficile.”

Infine, toni polemici verso Massimo Moratti: “Stringere la mano a Moratti? Non so se lo incrocierò, quando arrivo allo stadio non vedo nessuno, vado dritto negli spogliatoi, penso solo alla partita. Vendetta? No! Penso solo a vincere. Io coi giocatori dell’Inter non ho nulla. Sono concentrato solo sul risultato della mia squadra, non ho rivincite o vendette da prendermi”.

TUTTO SU INTER-NAPOLI

Leggi anche–> Probabili formazioni Inter-Napoli

Leggi anche–> Inter-Napoli, Handanovic invita alla cautela

Leggi anche–> Rizzoli fischierà per Inter-Napoli