Intervista ad Hernanes: "L'Inter è una grande squadra, per me è un momento magico"

Ieri sera il calciatore dell’Inter Hernanes è stato ospite del programma calcistico Tiki Taka, in cui ha parlato dei nerazzurri e ha colto anche l’occasione per ricordare e ringraziare i supporters della Lazio, squadra che lo ha ceduto a gennaio alla società di Thohir.

Circa la sua nuova esperienza in nerazzurro, il “Profeta” esordisce così: “Un momento molto bello, per anni ho puntato a una grande squadra e, non perché le altre non lo siano state ma l’Inter e’ l’Inter. Adesso ho ventotto anni, sono maturo, ho esperienza, è un momento magico”.

Riguardo il suo modo di esultare dopo aver segnato una rete, il brasiliano conferma di averlo sempre fatto: “Le facevo fin da bambino, da quando facevo gol cioè da quando avevo 10 anni, a calcetto”.

Analizza, inoltre, l’attuale situazione dell’Inter che, come tutti sanno, non sta vivendo una grande stagione: “E’ un momento un po’ così, capita, ne ho passati tanti nella mia carriera. Se mi aspettavo un periodo più semplice? Si perché all’inizio abbiamo vinto quattro partite di fila e poi è arrivato questo incidente di percorso, un momento un po’ così, ma nulla di irrimediabile, è tutto sotto controllo, siamo pronti a fare bene per finire nel miglior modo possibile”.

Sul mancato rigore di Diego Milito nella partita contro il Bologna“Nel calcio ci sono momenti in cui le cose accadono così, puoi mettere tutto quello che hai, ma anche se ti sforzi le cose non si sbloccano perché non hai serenità, c’è pressione. Lui è un rigorista da sempre, ero andato anche io vicino la palla ma lui si è preso la responsabilità ed e’ stato il più veloce a decidere”.

Infine, uno sguardo al passato. Hernanes parla della sua precedente squadra, la Lazio, ed è estremamente grato a tutti i suoi tifosi e alla società, che ricorda sempre con affetto: “Io mi attacco molto facilmente alle persone. Anche qui in albergo a Milano ci sono stato un mese e mi sono legato molto a un ragazzo che mi portava sempre da mangiare. Cosa e’ la Lazio per me?  Io in Brasile avevo 10 procuratori che volevano mandarmi da tutte le parti, la Lazio è venuta a prendermi, mi ha portato qui, credendo in me quindi se posso dire una sola parola alla Lazio è “grazie”, per tutto quello che mi hanno dato”.

Leggi anche -> Ultime Notizie Inter, Mazzarri Resta: le rassicurazioni di Thohir

Leggi anche -> Calciatori Inter, Juan Jesus: Stagione finita per il brasiliano