Inzaghi confermato: Allenatore del Milan fino a fine stagione

La trasferta dello stadio San Paolo, dove il Milan ha collezionato la sua terza sconfitta consecutiva dopo uno schiacciante 3-0 subito ad opera dei partenopei, sembra volgere al termine senza particolari tempeste interne al club. Filippo Inzaghiparso evidentemente sconsolato nel post partita, dovrebbe essere confermato fino alla fine del campionato, quando potrebbe esserci l’ipotesi di una rescissione consensuale tra l’ex attaccante piacentino e il Milan. Con ogni probabilità la trattativa tra Silvio Berlusconi e Bee Taechaubol potrebbe aver ormai proiettato l’ambiente alla prossima stagione, lasciando forse del tutto indifferente la dirigenza, ormai conscia dell’inutilità di un eventuale cambio di guida tecnica.

La stagione 2014-15 quindi si chiuderà con Pippo Inzaghi alla guida del Milan, considerando inoltre che il giovane tecnico rossonero ha riferito ai microfoni RAI: “Me ne sarei già andato dal Milan se non avessi avuto la sensazione di avere la squadra dalla mia parte“. Insomma Inzaghi resta al suo posto, almeno fino al definitivo passaggio di proprietà che potrebbe regalare ai rossoneri un nuovo allenatore, magari Unay Emery.

Intano ai microfoni di Sky Sport 24 Inzaghi si è scusato con Zvonimir Boban, con il quale aveva avuto un battibecco nel post partita di Milan-Sampdoria, dopo che il noto opinionista aveva espresso tutto il proprio disappunto per la pessima prestazione degli uomini di Inzaghi.

Leggi anche: