Inzaghi promuove Balotelli: "Lavora bene ed è amato dai compagni"

L’allenatore del Milan Filippo Inzaghi al termine della tournée americana, che ha visto nell’ultima partita i rossoneri vittoriosi per 3-0 contro il Chivas parla, ai giornalisti presenti al terminal dell’aeroporto di Malpensa, a tutto campo del Milan, dei possibili arrivi del mercato estivo e anche della punta di diamante del Diavolo, Mario Balotelli, elogiato dal tecnico: “Lui lavora bene ed è amato dai compagni. Se continua così sono molto contento”.

Pippo Inzaghi, intercettato dai microfoni dei giornalisti all’aeroporto di Malpensa, ha parlato delle indicazioni molto positive avute dalle partite giocate oltreoceano dai suoi ragazzi, tra i quali si è messo in mostra anche Mario Balotelli su cui il mister punta molto: “L’ho trovato calmo e sereno. Sta lavorando sodo ed è amato dai compagni. Se prosegue in questo modo sono molto tranquillo”. Sui giovani invece, mister Inzaghi ha fatto capire chiaramente che “giocatori come Cristante, Saponara e Niang possono dare una mano importante al Milan del futuro.

Riguardo invece alle notizie di mercato che vedono i rossoneri molto interessati all’esterno del Toro Alessio Cerci, il tecnico è sembrato sereno: “La società sa già cosa ho chiesto e sono molto sereno. Se arriva qualcuno meglio, altrimenti lavorerò con i giocatori che ho per farli rendere al 100%. Intanto recuperiamo Montolivo e De Jong così possiamo lavorare a ranghi completi”.

Sul campionato che ci si deve aspettare da questo Milan e sulle difficoltà soprattutto in difesa incontrate dai rossoneri anche nelle partite in America, Inzaghi ha sottolineato: “Per quanto riguarda lo scudetto io penso che lo vince la squadra che prende meno gol. Lo spirito, la compattezza in questo senso sono fondamentali. Tornando invece alle partite negli States, all’inizio nelle prime tre gare ogni tiro degli avversari era un gol preso. Poi è cambiato qualcosa. Ancora abbiamo molto lavoro da fare, ma il 31 agosto saremo pronti. L’anno scorso il Milan è arrivato ottavo, a 40 punti da certe squadre. Ripartiamo da lì, e sono sicuro che faremo soffrire tutti i nostri avversari”.

Leggi anche: