Italia-Argentina, il Papa: “Prima di essere campioni siete uomini”

Giornata in Vaticano per le Nazionali di Italia e Argentina. Arrivate intorno alle 11.25 in piazza San Pietro, nella vigilia dell’amichevole che le vedrà avversarie, le due delegazioni sono state ricevute da Papa Francesco nella Sala Clementina.

Qui il Pontefice, apparso leggermente commosso, ha esordito così: “Sarà un po’ difficile per me fare il tifo, ma per fortuna è un’amichevole. E che sia veramente così”. Continua, poi, rivolgendosi direttamente ai giocatori: “Uno sportivo, pur professionista, conservi sempre l’animo da dilettante. Fa bene alla società e costruisce il bene comune. Prima di essere campioni siete uomini con i vostri pregi, i vostri difetti, il vostro cuore e le vostre idee. Uomini portatori di umanità”.

cesare prandelli

Infine conclude: “Per favore, pregate per me perché anch’io, nel campo in cui Dio mi ha posto, possa giocare una partita onesta e coraggiosa per il bene di tutti noi”. Le due delegazioni hanno portato in dono al Papa l’ulivo dell’amicizia, ricordando quello piantato dall’allora arcivescovo Jorge Mario Bergoglio nella Plaza de Mayo. L’albero verrà simbolicamente piantato domani allo stadio Olimpico per poi essere trasportato nei giardini vaticani.