Italia, Conte: “Dobbiamo ipotecare la qualificazione”

Iniziato oggi il ritiro della Nazionale Italiana in vista delle partite contro Malta e Bulgaria, il Ct Antonio Conte ha subito tenuto la prima conferenza stampa, trattando diversi argomenti primo fra tutti quello relativo alla qualificazione agli Europei di Francia: “Dobbiamo chiudere il discorso qualificazione vincendo le ultime quattro partite del girone. Devo lavorare con ciò che ho a disposizione: l’organizzazione esalta il talento individuale e questo nella mia squadra non mancherà mai”.

Conte fa quindi una precisazione riguardo le convocazioni. Saranno chiamati a vestire la maglia della Nazionale Italiana i giocatori meritevoli e che nei club d’appartenenza risultano essere incisivi e importanti quindi ad essere penalizzati cono coloro che non trovano spazio nella propria squadra: “Se un calciatore non gioca o gioca poco nel proprio club non è che può vestire la maglia della Nazionale. Zaza alla Juventus è una sfida, ma se non gioca potrebbe diventare un problema”.

Durante la conferenza stampa il Ct dell’Italia si è soffermato a parlare di Florenzi e Insigne e del loro ruolo sul campo: “Ho parlato con Florenzi e gli piace fare il terzino, deve migliorare ancora in fase di copertura. Insigne può giocare sull’esterno, io non uso molto il ruolo del trequartista”. Infine Conte commenta Roma-Juventus, big match della seconda giornata di Serie A conclusosi con la vittoria dei giallorossi e che il Ct della Nazionale Italiana seguiva dagli spalti dell’Olimpico: “È stata una partita bella, tra due squadre che giocheranno sempre per vincere. La difesa della Juventus, che è pure la mia, non mi preoccupa, io seguivo tutti i giocatori arruolabili”.

Leggi anche: