Italia-Germania 1-1, Abate: "Dedico il gol a Galliani"

Sotto i riflettori di San Siro, termina con un pareggio l’amichevole di lusso Italia-Germania. Buona la prestazione degli azzurri che, nonostante al minuto 8 del primo tempo siano passati in svantaggio per via della rete messa a segno da Hummeles, hanno poi saputo reagire e, venti minuti dopo, hanno pareggiato i conti con un bel tiro di sinistro messo a segno da Ignazio Abate.

Intervistato nel post partita, Abate mostra la sua soddisfazione per quel secondo gol realizzato nel “suo” stadio, San Siro. Gol che ha una dedica particolare: “Alla mia famiglia, ai miei genitori, alla mia compagna, ai miei figli e anche a Galliani che voleva facessi qualche gol in più in questa stagione, solo che è arrivato in Nazionale. Magari ne farò qualcuno anche con il Milan, -prosegue il difensore azzurro- il destino è incredibile: alla seconda partita a San Siro, con la Nazionale, a pochi giorni dal mio compleanno. È un sogno”.

Passa quindi a esaminare la partita: “Abbiamo offerto un buon gioco, sofferto quando c’era da soffrire. Abbiamo preso gol su palla inattiva e poi abbiamo un po’ faticato contro i loro palleggiatori, ma dopo 10-15 minuti abbiamo preso le misure alla Germania e risposto colpo su colpo. È strano trovarsi là davanti noi difensori. Bonucci è stato bravo e freddo a restituirmi palla ed io sono stato bravo a trovare l’angolino”.

Buona anche, secondo Abate, la prestazione di Mario Balotelli che ha giocato sacrificandosi molto per la squadra: “L’ho visto bene, si è allenato con grande intensità e voglia di dimostrare quello che vale. La partita non è stata facile per lui: si è sacrificato molto e quando si mette a disposizione della squadra fa sempre una grande partita. È stato impeccabile stasera dal punto di vista comportamentale. Mario è un giovane ma è un grande giocatore di carattere internazionale e se l’allenatore fa delle critiche bisogna accettare”.

Quindi non potevano mancare delle considerazioni sul Milan in questo momento di difficoltà: “Al Milan ora la situazione non è semplice. Tutti ci dobbiamo sentire responsabili e farci un esame di coscienza quando il mister ci dice qualche cosa. Abbiamo pochi punti in classifica e dobbiamo seguire l’allenatore cercando di trovare una vittoria al più presto. Quello che abbiamo fatto finora non basta, tutti dobbiamo dare di più”.

Leggi anche-> Italia-Germania 1-1: Risultato Finale

Leggi anche-> Italia-Germania: San Siro fischia l’inno tedesco