Italia-Uruguay, probabili formazioni: Prandelli vira sul blocco Juve

Per l’Italia, la partita contro l’Uruguay, è già una finale quindi il cittì Prandelli si affida al 3-5-2 fondato sul blocco-Juve. Siamo solo alla terza partita del Mondiale ma per gli azzurri è già sfida da dentro-fuori. Prandelli ha deciso di affidarsi al “modulo Conte” per potersi giocare gli ottavi di finale; il famoso 3-5-2 che tanto ha fatto vincere, in Italia, la Juve; ed è sempre di Juve che si parla anche in azzurro, infatti, i bianconeri in nazionale sono ben sei e contro la celeste del maestro Tabarez saranno tutti titolari.

Tra i pali tornerà Buffon che vorrà sicuramente far dimenticare la prestazione opaca contro la Costa Rica. Difesa tutta juventina con Barzagli, Bonucci e Chiellini. Prandelli confida nel fatto che questi tre centrali si conoscono e sono stati per tre anni la miglior difesa della Serie A. Altri due juventini a centrocampo, Pirlo e Marchisio. Il primo giocherá al centro, tornerà quindi nel suo ruolo naturale da regista. Alla sua sinistra giocherà Marchisio e alla sua destbasterà sarà Verratti. I due tornanti saranno la sorpresa mondiale Darmian, che probabilmente anche contro la Costa Rica era stato il migliore, e De Sciglio che tornerà dopo aver smaltito la contrattura al flessore. In avanti giocherà il solito Balotelli che farà coppia con il capocannoniere della Serie A, Ciro Immobile.

Per Tabarez, invece, nessuna novità di formazione rispetto al match vinto contro l’Inghilterra. Fiducia agli stessi undici giocatori che hanno demolito gli inglesi. Muslera in porta; davanti al portiere ex Lazio ci saranno Caceres, Gimenez, Godin e Alvaro Pereira. Centrocampo a tre con Arevalo Rios, Gonzales e Rodriguez dietro al trequartista Lodeiro. In attacco il Matador Cavani e il Pistolero Suarez. Questi due giocatori non fanno paura solo nei soprannomi ma anche in campo. Gli uruguaiani conoscono molto bene il calcio italiano dato che molto di loro giocano o hanno giocato in Italia. Sarà un punto a loro favore?

Agli azzurri basterà un pareggio ma la prima finale, sperando ce ne possa essere anche una seconda il 13 luglio, si deve vincere. Se questo non dovesse succedere sarà un vero e proprio fallimento da parte degli azzurri.

Leggi anche –> Italia-Uruguay, rischio rinvio: voragine vicino lo stadio Arena Das Dunas

Leggi anche –> Italia-Uruguay, quote scommesse: nessun favorito, entrambe a 2.65

Leggi anche –> Italia – Costa Rica 0-1: le pagelle degli azzurri