Juve Stabia-Catania, Fontana: “Calma e concentrazione per vincere”

Mister Gaetano Fontana ha esaminato, nella conferenza stampa della vigilia, la partita di domani contro il Catania: “Per vincere serviranno massima concentrazione, calma olimpica e cattiveria agonistica fino al 90′”

Saranno novanta minuti intesi quelli di Juve Stabia-Catania perché sul terreno del “Menti” si affronteranno, in occasione della 20a giornata di Lega Pro, due squadre toste, proprio per questa ragione il tecnico dei campani, Gaetano Fontana, chiede ai suoi uomini massima concentrazione, calma e cattiveria agonistica, d’altra parte il Catania ha dimostrato nel corso delle giornate di sapersi rialzare e di vivere un buon momento: “Per poter condurre la partita fino al 90′ occorreranno massima concentrazione, calma olimpica e cattiveria agonistica fino all’ultimo minuto. Dobbiamo puntare sulle nostre caratteristiche e le nostre certezze. Il Catania è una squadra che sta andando a mille, carica di entusiasmo e con giocatori importanti, anche di categoria superiore. Dobbiamo fare attenzione”.

Con i siciliani c’è poco da scherzare e la dimostrazione viene dalla partita d’andata disputata al “Massimino” lo scorso agosto, ad apertura di campionato: “La squadra del Catania è di indubbio valore e lo ha dimostrato anche nel match d’andata. Sta confermando quanto detto a inizio stagione perché – prosegue mister Fontanaè una squadra che, visto l’handicap iniziale, è stata costruita per risalire la china e lo sta facendo con grande merito”.

Nonostante i sette punti di penalizzazione, infatti, la squadra siciliana è riuscita a conquistare il settimo posto in classifica e la zona play off. Un risultato che sottolinea, ancora una volta, le qualità del Catania che il tecnico della Juve Stabia riconosce: “Penso che debbano puntare almeno ai play-off. La penalizzazione ha probabilmente tolto ai rossazzurri la possibilità di battagliare per il primo posto perché il distacco è davvero notevole. Il campo, però, può smentimi”.

Anche la Juve Stabia sta facendo un buon campionato e lo dimostra il terzo posto in classifica ricoperta dalla squadra di Fontana, il tecnico però preferisce volare basso: “Non so se sia merito nostro o demerito degli alti che non stanno più in alto di noi. A noi piace lavorare, stuzzicare gli altri e proseguire il nostro percorso di crescita, poi è normale che se a marzo saremo ancora lì proveremo l’allungo”.