Juventus, Allegri su Pirlo: "Rapporti buoni"

La seconda parte dell‘intervista ad Allegri è dedicata a un argomento piuttosto delicato e che da anni fa discutere: i rapporti del tecnico toscano con Andrea Pirlo. I due si sono ritrovati alla Juventus quest’anno dopo i trascorsi al Milan; Allegri prova una volta per tutte a fare chiarezza sul rapporto tra i due.

“E‘ andata come sanno tutti: Andrea ha fatto dieci anni al Milan vincendo tantissimo, poi c’è stato un momento in cui ha cambiato, è andato alla Juventus e credo che sia stato creato un grosso equivoco, perché Andrea finché è stato bene ha giocato titolare nel Milan”. Queste le prime parole di Allegri sull’argomento, che poi aggiunge: “Quello fu un anno sfortunato per lui, rientrò a fine campionato quando la squadra stava ormai per vincere lo Scudetto“.

Quindi prosegue: “Il destino ha voluto che dopo quattro anni di Milan, sono arrivato ad allenare la Juventus e l’ho ritrovato. Posso dire che dopo l’infortunio iniziale, ora è in ottime condizioni e sono molto contento di avere un giocatore così, soprattutto per ridarlo alla Nazionale nelle migliori condizioni“.

Infine gli chiesto, se non essendosi opposto a quella cessione a suo tempo, abbia fatto un regalo ai tifosi della Juventus. Ecco la sua risposta: “Non ho fatto un regalo ai tifosi della Juventus perché Pirlo non era mio, ma un calciatore del Milan. Credo che ci siano dei momenti in cui le cose devono andare in un modo e forse è stata anche la fortuna di Andrea”.

Leggi anche: Intervista ad Allegri: “Lo Scudetto non è sicuro”