Juventus-Bayern Monaco, Allegri: “Servirà una squadra stellare”

Massimilano Allegri, commentando su Twitter il sorteggio che oggi ha posto la sua Juventus con il temibile Bayern di Guardiola, si affida alla saggezza del Maestro Yoda: “Fare o non fare, non c’è provare”. Quindi questo è il pensiero dell’allenatore bianconero, con il quale ha già cominciato a trasmettere la carica alla squadra.

OTTAVI CHAMPIONS LEAGUE, JUVE-BAYERN MONACO: IL TWEET DI ALLEGRI

Non nascondiamolo: quella che attende la Juventus è una prova complicata e servirà una prestazione “stellare” per passare il turno. La consapevolezza della propria forza e soprattutto della forza degli avversari è un fattore importantissimo nello sport ed in particolare nel calcio.

Una grande sfida si vince non solo con il gioco, ma anche e soprattutto con la volontà. Questo sembra essere il messaggio di Allegri e lui sa che nella sua squadra ci sono giocatori, da i veterani Buffon, Chiellini, Bonucci Barzagli per arrivare ai giovani Pogba e Dybala, che sanno mettere in campo tecnica, forza e appunto una grande volontà. Poi si può anche perdere, è la legge dello sport, ma se si scende in campo senza forza di volontà, allora non si può nemmeno provare a vincere.

CHAMPIONS LEAGUE: LA JUVENTUS SULL’ESEMPIO DELL’ INTER

Certo, oggi più che mai, nell’ambiente juventino ci sarà molto rammarico per quella partita persa contro Il Siviglia e che ha pregiudicato la conquista del primo posto nel Gruppo D che avrebbe sicuramente garantito ai Campioni d’Italia un sorteggio sulla carta più abbordabile. Ma non dimentichiamo che nel 2010, quando l’Inter vinse l’ultima Champions League appannaggio di una squadra italiana qualificandosi seconda nel proprio Gruppo, i nerazzurri affrontarono il Chelsea di Ancelotti negli ottavi, il CSKA campione di Russia ai quarti, il Barcellona di Guardiola in semifinale e il Bayern di Ribery, Muller e Robben in finale. Perché per conquistare la coppa dalle grandi orecchie bisogna battere le più forti e questo Max Allegri lo sa.

Per questo sembra essere la strada giusta, quella indicata dall’allenatore toscano ai suoi, nel’intraprendere il lungo, estenuante cammino che porterà a questa avvincente sfida il cui primo incontro si giocherà a febbraio allo Juventus Stadium e che si concluderà poi alla Allianz Arena, sotto il cielo di Monaco, che, sperano i tifosi juventini, alla fine potrebbe tingersi di bianconero.

Leggi anche: