Juventus, Buffon: "Senza Conte sarei andato alla Roma!"

Il merito è dei miei giocatori che stanno facendo qualcosa di straordinario”. Si, forse è vero, Antonio Conte senza i vari Pirlo, Buffon, Vidal non ce l’avrebbe fatta ma, mai come stavolta, il concetto può fare il percorso inverso e possiamo tranquillamente asserire che i giocatori senza il loro condottiero non avrebbero mai vinto due scudetti e due supercoppe.

L’artefice principale della rinascita della Juventus è lui, Antonio Conte. In pochi mesi è riuscito a dare carattere vincente e fiducia a un gruppo che veniva da due settimi posti, è riuscito nell’ impresa di vincere al suo primo anno sulla panchina della Juventus uno scudetto da imbattuto, è riuscito a dare un gioco che oggi in Europa solo poche squadre sanno esprimere. Il suo segreto forse è stato quello di ripartire da giocatori che avevano perso stimoli e motivazioni come Gigi Buffon che oggi, in una lunga intervista a Sky, ha svelato un retroscena clamoroso: “Senza Conte sarei andato alla Roma!”. Il portiere infatti prima dell’arrivo di Conte veniva da una stagione non particolarmente felice: l’operazione alla schiena lo aveva tenuto lontano dal campo per 4 mesi e al suo rientro Del Neri in più di un’occasione aveva preferito affidarsi a Storari, ferendo nell’ orgoglio l’attuale capitano della Juventus.

Fu questa situazione che lo portò a prendere la decisione di lasciare la Juve.Dopo alcune brutte stagioni e alcuni dubbi che sorgevano anche nella testa dei tifosi si aveva la sensazione che l’unica soluzione era quella di cambiare aria e se non fosse arrivato Conte sarei andato alla Roma. Adesso se penso che stiamo per vincere il terzo Scudetto consecutivo, certamente non posso provare rimorso per la scelta fatta. Il rimorso può arrivare dopo che certe storie si rivelano fallimentari. La mia scelta di rimanere la Juve, una società mitica, non può lasciare spazio a rimpianti“.

Conte – prosegue Buffon -Ha portato tantissimo anche quest’anno sul piano motivazionale, perché quando si argomenta sul fatto che dopo due campionati vinti, il terzo non è realmente così scontato, si dice la verità, perché in qualcuno o nel gruppo si può creare quel senso di appagamento che poi è foriero solo di brutti presagi e cattive imprese, mentre invece uno come lui ci ha aiutato anche quest’anno a stare sempre sulla corda, a non dare per scontato nulla.”

Leggi anche–>Pace fatta tra Gigi Buffon e Alena Seredova
Leggi anche–>Conte :”Il campionato non è finito”