Juventus-Inter Formazioni, Diretta Tv e Streaming

Domenica 28 febbraio alle 20:45 posticipo di gran lusso tra Juventus e Inter, che sarà trasmessa in Diretta TV su Sky Calcio e Mediaset Premium, ma sarà possibile vederla in Streaming, solo per gli abbonati, su Sky GO o Premium Play.

Juventus Inter non è mai una partita qualunque e non lo sarebbe nemmeno se si giocasse per un torneo estivo sulle spiagge dell’Adriatico. Queste sono le due squadre che più hanno animato gli ultimi dieci anni del nostro calcio, ma sono anche le squadre le cui tifoserie coltivano una rivalità che va ben oltre la semplice rivalità calcistica o il semplice campanilismo. Da quel lontano 2006 la rivalità è diventata trincea. In questa trincea si sono asserragliati tutti, dalle dirigenze fino al più blando dei tifosi, “brandendo” le accuse reciproche come clave in uno scontro dell’età della pietra. Non è, diciamolo subito, uno spettacolo edificante, anche se, da ambo le parti, esistono le eccezioni che alle triviali volgarità sono in grado di sostituire l’ironia, il sarcasmo e l’arguzia di una “fescennina licentia” che però è veramente materia di pochi.

Ma a noi piace parlare di calcio ed il passato è, per fortuna, passato e vogliamo credere che non ritornerà più. Ed è proprio parlando di calcio che si devono mettere sul tavolo le caratteristiche di due squadre che sono profondamente diverse tra di loro sia per impianto, che per schemi, ma soprattutto per il percorso che hanno compiuto in questa stagione.

Patiamo dai bianconeri: hanno cominciato sottotono, sembravano spenti, senza più quella rabbia agonistica che li aveva portati l’hanno scorso a sfiorare il triplete. Ma Allegri ha sempre detto: “Aspettateci, perché ritorneremo” e bisogna dare assolutamente atto all’allenatore toscano che non solo aveva ragione, ma che ha probabilmente compiuto il suo capolavoro in carriera.

Ha preso una squadra a cui sono stati tolti tre uomini pesantissimi come Pirlo, Vidal e Tevez e un po’ alla volta gli iniettato convinzione e voglia di vincere fino ad arrivare ad inanellare 15 vittorie consecutive fermate soltanto dal Bologna nel turno passato. È vero che questi sono record che lasciano il tempo che trovano, ma sono anche numeri che danno la dimensione di come si può partire male, prendere nove punti dalla capolista e arrivare a metà febbraio ed essere di nuovo in testa, avendo battuto tutte le altre rivali al titolo. Solo le grandi squadre sono capaci di fare questo.

L’Inter è partita timida, un po’ in sordina, piena di paure e per questo compattissima, perché solo con la compattezza si può essere forti quando sei una squadra giovane, completamente rivoluzionata e con in testa un obiettivo che è quello di doverti qualificare alla prossima Champions League. Hanno cominciato ad arrivare le vittorie. Poi il primo posto in classifica e tutto lasciava presumere che,sebbene i risultati sul campo non fossero esaltanti, il tempo avrebbe fatto crescere l’intesa ed il gioco e la squadra sarebbe stata sempre più forte. Mancini sembrava governare sempre meglio questa “nave” tutta nuova che aveva costruito secondo le sue idee di calcio, fatto soprattutto di muscoli, ma anche di fantasia. Così spazio alla “slavonic fury” Jovetic, Brozovic, Lijajc e Perisic con in porta un mostro insuperabile come Handanovic. Ma proprio questi giocatori sono stati quelli che, a partire dalla gara prenatalizia con la Lazio, improvvisamente hanno mollato e con loro tutta la squadra è sembrata sciogliersi come neve al sole. Un percorso uguale, ma inverso, a quello compiuto dalla Juve.

Ora, dopo aver attraversato un periodo nefasto fatto di pesanti sconfitte proprio contro la Juve in Coppa Italia ed il Milan  in campionato, i nerazzurri sembrano essersi un po’ ripresi e nonostante il gioco latiti ancora, sono ritornati a vincere contro una Sampdoria  non proprio trascendentale, ma, in un momento di difficoltà come questo, quella vittoria è stata importantissima.

Sabato sera allo Stadium quindi potremo vedere se questa vittoria è stata un ricostituente per i nerazzurri oppure il pronostico, che sulla carta dice vittoria bianconera, verrà rispettato.

La Juventus viene da una partita quanto meno schizofrenica in Champions League contro il Bayern Monaco. Una partita che fino a due terzi poteva definirsi una debacle totale e anzi con un risultato (0-2) forse penalizzante più per i tedeschi che per i bianconeri. Ma dopo aver subito il secondo gol il colpo di reni della vecchia signora, che si rialza e pareggia, è vero che ha probabilmente aumentato la convinzione nei propri mezzi, ma è anche vero che ha fatto consumare tantissime energie psicofisiche che forse potrebbero essere utili contro i rivali di sempre.

In campo probabilmente si presenteranno le formazioni titolari, sempre ammesso che per quanto riguarda l’Inter si possa pensare ad una formazione titolare. I nerazzurri a parte Brozovic squalificato, dovrebbero avere tutti a disposizione, mentre i bianconeri non potranno contare su MarchisioCaceres infortunati.

Quisndi ci aspettiamo queste probabili formazioni:

Juventus (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Lichtsteiner, Khedira, Hernanes, Pogba, Alex Sandro, Mandzukic, Dybala

Inter (3-5-2): Handanovic, Murillo, Miranda, Juan Jesus, D’ambrosio, Felipe Melo, Medel, Kondogbia, Perisic, Palacio, Icardi

Si spera sempre in una bella partita, avvincente e giocata a viso aperto dalle due squadre, come accadde qualche anno fa quando i nerazzurri per primi vinsero nella nuova casa dei bianconeri. Si spera in una partita che riconcili con il calcio, quello giocato, e non riaccenda polemiche ormai stantie e francamente noiose. Si spera in Juventus-Inter che faccia capire a tutti perché queste sono le due squadre che hanno fatto la storia del calcio italiano.

Quindi domenica sera 28 febbraio alle 20:45 non perdetevi Juventus-Inter, incontro valido per la 27^ giornata del Campionato di Serie A e che potrete seguire in Diretta TV su SKY CALCIO e Mediaset Premium. Se vorrete seguire lo Streaming della partita, se siete abbonati, potrete farlo tramite SKY GO o Premium Play, che forniscono il servizio per assistere all’evento attraverso il vosto PC, Tablet o Smartphone.

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A