Juventus-Lazio 2-1, le Pagelle dei Bianconeri

La Juventus vince il secondo trofeo stagionale, battendo in finale di Coppa Italia la Lazio di Stefano Pioli, solo dopo i tempi regolamentari. Al minuto numero 7 del primo tempo supplementare Alessandro Matri decide di strozzare le speranze dei tifosi biancocelesti, piazzando un destro alle spalle di Berisha, non incolpevole nella circostanza. L’undici capitolino aveva sfiorato poco prima il gol dell’1-2 con Djordjevic, sparando un siluro dalla distanza che scheggia prima il palo sinistro e poi quello alla destra di Storari.

Ecco le pagelle dei ragazzi di Massimiliano Allegri (Voto 6,5):

Storari (Voto 6,5): È lui il portiere di coppa e trasmette grande sicurezza anche in una finale così delicata. Per centimetri non arriva a togliere dall’incrocio dei pali il chirurgico colpo di testa di Radu, che porta in vantaggio i biancocelesti;

Evra (Voto 7): Allegri si fida ciecamente di lui e fa bene. È piccolino, ma la sua elevazione basta per servire l’assist a Chiellini in occasione del pareggio;
Bonucci (Voto 5,5): Non è sicuro come nei giorni migliori, ma alla fine salva la sua prestazione con un paio di lanci alla “Pirlo”;
Barzagli (Voto 6,5): Sempre sicuro e preciso, tranne in un paio di occasioni dove regala palloni invitanti agli avversari;
Chiellini (Voto 7): Gol in rovesciata straordinario ed insolito allo stesso tempo, a coronamento di un’ottima partita;
Lichtsteiner (Voto 7): Corre come un matto, sbaglia qualche passaggio di troppo, ma è concentrato e non permette a Felipe Anderson di fare la differenza sulla sua fascia di competenza; (Padoin dal 107′ S.V.)
Pogba (Voto 4,5): Non è ancora al 100% e i tantissimi errori del primo tempo ne sono la chiara dimostrazione; (Pereyra dal 70′ Voto 6,5)
Pirlo (Voto 6,5): Un primo tempo sotto tono, che viene oscurato da una ripresa di altissimo livello, arricchita da passaggi sublimi durante i tempi supplementari;
Vidal (Voto 6): Incredibile la voglia e la grinta che mette su ogni pallone e in ogni contrasto, ma paga un po’ di lucidità nel momento dell’ultimo passaggio;
Tevez (Voto 6,5): Merita un’ondata di applausi solo per le galoppate fatte al minuto 115, ma non brilla d’iniziativa durante i tempi regolamentari e la squadra ne risente non poco nel primo tempo;

Llorente (Voto 5,5): Allegri schiera il 3-5-2 per mettere a suo agio il “Re Leone”, ma la sua fisicità non basta per far male a una difesa laziale ben organizzata. (Matri dall’83’ Voto 7)

Leggi anche –> Juventus-Lazio 2-1, Allegri: “Il Triplete ora può diventare realtà”

Leggi anche –> Juventus-Lazio 2-1 video gol, sintesi e highlights