Juventus-Manchester City 1-0, le Pagelle dei Bianconeri (25 novembre 2015)

La vittoria di Allegri, la vittoria di Mandzukic, la vittoria di Alex Sandro, la vittoria della Juventus. I bianconeri superano di misura il Manchester City e si qualificano matematicamente agli ottavi di finale della Champions League, balzando per giunta al primo posto del gruppo D, scavalcando proprio i Citizens di Pellegrini.

Autore del gol vittoria Mario Mandzukic, riscattatosi dopo la deludente prestazione di sabato sera contro il Milan. Sugli scudi anche i soliti Barzagli e Buffon, mentre da sottolineare un’altra grande prova di Alex Sandro, perfetto nel servire il centravanti croato in occasione del vantaggio.

Ecco le pagelle degli uomini di Allegri (VOTO 9):

BUFFON (VOTO 7,5): Il grande portiere si vede quando risponde “presente” anche nella prima ed unica occasione in cui viene chiamato in causa. Di questa categoria ne fa parte ormai da anni, ma non ci stancheremo mai di vedere la parata “salva-risultato” sul colpo di testa Fernando;

BARZAGLI (VOTO 7,5): E’ un muro insormontabile per gli avversari. E’ sempre preciso nelle chiusure, puntualissimo nel chiudere la diagonale e sempre pronto a proporsi in avanti in caso di necessità;

BONUCCI (VOTO 7): Personalità, grinta, carattere, spessore internazionale. Tutte cose che si addicono ad uno come il numero 19. Fa sembrare tutto facile quando ha la palla e non rischia praticamente niente in fase difensiva. Solo nel primo tempo si stacca e lascia libero Yaya Tourè, che fortunatamente sbaglia all’altezza del dischetto del rigore;

CHIELLINI (VOTO 7): L’anticipo è il suo punto di forza e ne abbiamo avuta l’ennesima dimostrazione. Legge prima le situazioni e quando ha la palla tra i piedi prova anche ad impostare, nonostante non sia un giocatore così “tecnico”. I tifosi si esaltano quando lo vedono partire a testa bassa sul versante mancino e lui li ricambia saltando spesso due-tre avversari;

LICHTSTEINER (VOTO 6,5): Spinge sempre, su quella fascia lui c’è sempre. Nel primo tempo ha anche l’opportunità di segnare il gol del raddoppio, ma Hart è bravo a chiudergli la porta in faccia. Bravissimo ad annullare De Bruyne per tutti i 90 minuti;

STURARO (VOTO 6,5): Grande partita la sua. Tantissima sostanza, ormai potremmo chiamarla la “sostanza Sturaro”. E’ un classe ’94, ma è già un giocatore fondamentale per questa Juve, perché riesce a dare equilibrio e soprattutto permette a Pogba di avanzare con maggiore frequenza, rimanendo a protezione di Marchisio;

MARCHISIO (VOTO 5,5): Non una prestazione malvagia la sua, ma a condizionare la sua valutazione sono i tantissimi errori commessi nel primo tempo, durante cui rischia addirittura di regalare il gol del pareggio al Kun Aguero, che si fa ipnotizzare da uno strepitoso Buffon;

POGBA (VOTO 7): Sarà stata la presenza di Mino Raiola in tribuna, ma per larghi tratti abbiamo rivisto il “Pogba fenomeno”, capace di caricarsi sulle spalle un’intera squadra e di gestire con autorità il pallone, nascondendolo spesso e volentieri agli avversari, impotenti dinanzi a tanta classe. Gli manca solo il gol, ma va bene così per il momento;

ALEX SANDRO (VOTO 7,5): Insieme all’autore del gol, è in assoluto il migliore in campo. E’ lui a sfornare un cross forte e teso, e soprattutto preciso, per Mario Mandzukic in occasione del gol partita, ma ciò che impressiona di più è la crescita in fase difensiva di questo giocatore. Di sicuro, non è più un oggetto misterioso, ma un’assoluta certezza della Juve di Allegri. Evra dovrà sudarsi il posto d’ora in poi; (EVRA: VOTO 6)

DYBALA (VOTO 6,5): Gioca una partita di sacrificio, correndo per quasi 90 minuti come un forsennato, dando una mano anche dietro per farsi ben volere da mister Allegri. Non trova il gol, ma in certe occasioni è fondamentale il cosiddetto “lavoro oscuro”; (sost. CUADRADO: VOTO 6)

MANDZUKIC (VOTO 8): Non è il migliore in campo solo per aver segnato il gol decisivo, ma per essere stato protagonista di una prestazione da leader. Vederlo tornare al limite dell’area di rigore della Juve, per dare una mano ad Alex Sandro in fase di copertura, è semplicemente libidine per Allegri, bravo a dargli fiducia nonostante non avesse fatto bene contro il Milan. (sost. MORATA: VOTO 6,5)

Leggi anche –> Highlights Juventus-Manchester City 1-0

Leggi anche –> Le ultimissime sulle condizioni di Mandzukic