Juventus-Sampdoria, Marotta: "Giochiamo sempre per vincere"

Giochiamo per vincere“. Così il direttore generale della Juventus Beppe Marotta a “Il Secolo XIX” sulla sfida di domenica contro la Sampdoria. Ma Marotta, nell’intervista al quotidiano genovese, ha parlato a tutto tondo della Juventus, del calcio italiano, della Sampdoria ed anche di Lotito, con cui ultimamente c’è stata una dialettica abbastanza vivace nei toni..

Marotta spiega come è stato il suo addio dai blucerchiati e dice: “Nel calcio italiano non si può più spendere tanti soldi per mantenere una società. La Sampdoria è così in alto in classifica perché è una buona squadra ma anche perché sente l’entusiasmo del suo Presidente, Ferrero, con cui ho un rapporto molto cordiale”.

Poi, il dg bianconero, si esprime sulla sfida di domenica: “La Juventus deve pensare sempre a vincere, è nel suo DNA. Sampdoria e Genoa sono due sorprese grandiose di questo campionato perché non hanno la pressione dei risultati.” Marotta parla anche del suo rapporto con Agnelli e spiega: “Alla Juventus sto benissimo. Ho la stima di Andrea e sono felicissimo di quello che stiamo facendo. Dopo la Juventus? Mi vedo in un ruolo diverso da quello che sto ricoprendo ora.”

Il dirigente juventino si esprime anche sui giocatori della Doria che più stanno impressionando. Parla di Soriano, Kristicic, Obiang e Gabbiadini: “Sono sicuramente dei talenti purissimi. C’è da vedere se sono anche giocatori da top club. Gabbiadini al Napoli? Il giocatore è in comproprietà fra noi e la Sampdoria e la comproprietà entro il 30 giugno dovrà essere risolta, vedremo cosa succederà. “

Marotta devia, con esperienza, il paragone fra Allegri e Mihajlovic: “Noi, quest’estate, volevamo continuare con Conte. Subito dopo il suo addio abbiamo contattato Allegri ed ora siamo soddisfatti del suo operato.”

Inevitabile un accenno alla Champions League: “Noi siamo molto contenti della qualificazione agli ottavi. Ora comincia la vera Champions League, un torneo a sé in cui escono le vere qualità dei giocatori e delle squadre. Anche il caso e la fortuna, però, saranno protagoniste.” Infine, Marotta, parla di Lotito e dice: “Su Lotito ho poco da dire. Penso, però, che sia scandaloso che io non possa difendere la mia dignità. Io, intanto, incasso e vado avanti.”

TUTTO SU JUVENTUS-SAMPDORIA