Juventus-Siviglia, Immobile: "Se segno in Champions esulto"

Non si tira indietro Ciro Immobile, ex col dente avvelenato della sfida di Champions League Juventus-Siviglia. L’ex attaccante di Torino e Borussia Dortmund, passato quest’anno al campionato spagnolo, è carico per il match di questa sera allo Juventus Stadium contro la squadra che non ha mai puntato su di lui, nonostante fosse proprietaria del suo cartellino.

“Questo per me non è un derby, nonostante il grandissimo affetto che provo per i granata. E’ una partita speciale, perché sono italiano e affronto la Juventus con una squadra straniera. In caso di gol esulterei, mi manca troppo la rete. Non segno da marzo, in Coppa di Germania e tornare protagonista in Champions sarebbe il top“, le parole dell’attaccante napoletano.

Immobile si è soffermato anche sull’attuale momento no della squadra bianconera in campionato: “E’ strano tornare in Italia e vedere la Juventus nelle parti basse della classifica. Ci sono delle similitudini tra noi e loro, penso che sia una questione di meccanismi di squadra, non di qualità dei singoli. La Juventus è ancora la più forte per lo Scudetto, ha tanti giocatori che fanno la differenza. Noi siamo tornati al successo e vincere allo Stadium potrebbe rappresentare la svolta stagionale. Ai bianconeri toglierei Bonucci, Chiellini e Pogba, uno che può vincere le partite da solo”.

Parlando dell’avversario di stasera, Immobile ha rintracciato in alcuni giocatori chiave i pericoli maggiori per il suo Siviglia. Del resto, lui non ha trovato spazio in bianconero perché la dirigenza ha puntato su altri attaccanti: “Me lo sono chiesto all’inizio, ma è giusto che ognuno faccia le sue scelte. Non spetta a me giudicare: i bianconeri hanno preso la loro decisione e io la mia. Anche perché poi mi hanno ceduto a un club come il Borussia Dortmund. Morata è un grande attaccante. Zaza è mio compagno di Nazionale e sono convinto che si ritaglierà uno spazio anche nella Juventus”.

TUTTO SU JUVENTUS-SIVIGLIA