Juventus vince scudetto 2015, Storia di un Trionfo

Non è il tre il numero perfetto. Troppo poco, meglio arrotondare e arrivare a quattro, un numero altro che perfetto, storico. Questo è quello che si dice scrivere la storia, una storia infinita di trionfi che ha portato la squadra torinese al quarto titolo tricolore in quattro anni consecutivi. Merito di tutti, dall’allenatore ai calciatori titolari, dalle riserve alle retrovie che lavorano dietro le quinte per la squadra. Eppure a luglio dell’anno scorso, alla notizia dell’arrivo di Allegri sulla panchina per sostituire Conte, non in tanti avrebbero scommesso su questa squadra. Ma pian piano, passo dopo passo, ecco che la Juventus di Allegri conquista tutti.

Nelle prime sei giornate arrivano sei vittorie consecutive, l’ultima delle quali contro la Roma per 3-2. Una vittoria quella, che forse doveva suonare come campanello d’allarme per i giallorossi che già da quel lontano 5 ottobre cedono il passo in Campionato. In Champions buona la prima contro il Malmoe in casa e 2-0 per i bianconeri, anche se la prima sconfitta nel trofeo arriva contro l’Atletico di Simeone. La seconda di fila arriverà contro l’Olympiacos. L’ambiente bianconero però regge e si stringe ancora di più intorno a mister Allegri che infonde alla squadra un nuovo modulo per liberarsi completamente dall’oscura presenza di Conte.

A dicembre arriva la prima sconfitta importante. In Supercoppa Italia, dopo un 2-2 al cardiopalma contro il Napoli, ecco la sconfitta ai rigori che costano il primo trofeo ai bianconeri. Ma non ci si può fermare, c’è un Campionato e una Champions da portare avanti. Ecco che arriva anche la Coppa Italia in calendario e perchè non vincere anche in quel trofeo. Battute Verona e Parma ed ecco la Juventus in semifinale.In Champions arrivano due vittorie consecutive e un pareggio che portano i bianconeri al secondo posto nel girone e in seconda fascia per gli ottavi. Lì ecco arrivare Klopp e il suo Borussia, ma i tedeschi non fanno male e vengono piegate in entrambi i confronti. Intanto il Campionato si chiude virtualmente quando tra la Juventus e la Roma i punti di distacco toccano quota 14 punti.

Eccoci ai Quarti di Champions ed ecco che dall’urna vengono fuori i francesi del Monaco. Alla Juventus basta una singola rete all’andata per conquistare la semifinale del massimo trofeo. Semifinale che è finale invece in Coppa Italia, quando la corazzata di Allegri piega per 3-0 la Viola di Montella vincitrice per 2-1 all’andata. In finale toccherà alla Lazio provare a fermare i bianconeri, mentre in Champions sarà il Real Madrid di Ancelotti la bestia nera.

Intanto arriva il 2 maggio, quando alle ore 18:00 la Sampdoria ospita i bianconeri intenzionati a chiudere matematicamente lo scudetto, cosa che riesce al minuto 32′ quando Arturo Vidal mette a segno la rete che regala ai bianconeri il quarto scudetto consecutivo, il primo dell’era Allegri.

Leggi anche: