Kondogbia-Milan: i dettagli del mancato affare

E’ un risveglio difficile per il popolo rossonero: Kondogbia ha scelto l’Inter e non il Milan, ed in via Aldo Rossi è tempo di riflessioni su cosa non abbia funzionato, trasformando un accordo virtualmente raggiunto in un affare mancato. C’è chi fa salire sul banco degli imputati Adriano Galliani (non sarebbe forse il caso di puntare il dito contro Nelio Lucas?), ma il problema sembra essere stato proprio Goeffrey Kondogbia insieme a suo padre: il giocatore aveva l’accordo con il Milan, ma l’Inter è arrivata ad offrire la cifra monstre di 4,5 milioni netti annui più bonus. Troppo per un rilancio rossonero e partita chiusa.

Ma emergono ulteriori dettagli per bocca dello stesso Galliani. L’AD rossonero avrebbe così dichiarato: “All’una e mezzo era tutto fatto. Il Monaco ci aveva dato l’ok per la vendita a quaranta milioni di euro con pagamento biennale, venti e venti. E l’accordo con Geoffrey, già sistemato la sera prima, ci era stato confermato in tarda mattinata da lui stesso e dal papà. Dopo lo scambio di documenti, all’una e mezzo tutti spariti, evidentemente hanno cambiato idea o gli altri hanno offerto di più”. Una doccia quindi gelata, ma priva di rimpianti dal momento che il Milan sembra ver fatto tutto per portare Kondogbia in rossonero.

Una frecciata poi, neanche troppo velata, a Nelio Lucas, che patrocinia l’affare Bee Taechaubol-Berlusconi e sta accompagnando Galliani in questa sciagurata campagna degli acquisti mancati (vedi Jackson Martinez ad un passo dall’Atletico Madrid). L’AD rossonero ha così dichiarato: “In certe trattative bisogna comportarsi come coi figli. È più difficile un “no” che un “sì”, ma a queste cifre non possiamo accettare. A volte serve più coraggio ad alzarsi dal tavolo che a rimanere, dunque andiamocene”.

Leggi anche: