La voce del tifo: Allegri vince, la Juve domina contro il Chievo

Buona la prima! Ieri sera sul campo del Bentegodi, Max Allegri ha sfatato il mito di “iniziare male il campionato” guidando la Juventus verso la prima vittoria della sua era in bianconero. Non sono serviti troppi scongiuri e nonostante coloro che da giorni sottolineavano che Allegri avrebbe esordito con un risultato negativo analogamente alle passate stagioni in rossonero e nonostante alcuni “tifosi” sperassero in uno scivolone della squadra unicamente per poter dire di aver avuto ragione sull’imprescindibilità di Antonio Conte; la Juventus ha dimostrato di esserci ed è stata grande, anche senza il neo ct della Nazionale Italiana.

La Juventus di Massimiliano Allegri ha battuto il Chievo per una rete a zero inaugurando così nel migliore dei modi la stagione 2014-2015. I bianconeri hanno registrato quasi l’80% di possesso palla e hanno creato moltissime occasioni da gol (purtroppo sprecate) quasi inaspettate considerando che il Chievo è sempre stato un avversario piuttosto ostico. Sintomo questo di una Juventus che ha ancora fame di vittorie e voglia di confermarsi padrona d’Italia.

Il tecnico Allegri, al quale i numerosissimi tifosi bianconeri presenti a Verona hanno riservato sia fischi che applausi, ha scelto di esordire con il comprovato 3-5-2: una garanzia vista soprattutto la formazione decimata da acciacchi e influenze. L’intenzione del tecnico è quella di passare al 4-3-1-2, schema più offensivo e adatto alle competizioni europee; ma tale cambiamento graduale sarà possibile solo in presenza di giocatori adatti a ricoprire determinati ruoli.

Tante occasioni quindi, e bel gioco. Intese e movimenti interessanti hanno vivacizzato la gara lungo tutti i 90 minuti anche se una rete risicata ha tenuto sulle spine il tifo bianconero timoroso di un pareggio da parte dei gialloblù, mai pericolosi se non in un’occasione capitata sui piedi di Maxi Lopez e bloccata magistralmente dal numero uno bianconero Gigi Buffon.

Bene tutti, bene Vidal, che scongiurato l’addio alla Juventus, manda più volte baci alla curva la quale non lascia a desiderare gesti d’affetto nei confronti del cileno. Complimenti a Kingsley Coman, il francesino classe ’96 ha fatto stra-vedere: agli occhi di molti un Pogba-bis che ancora deve crescere molto. Nonostante la febbre a 38.5, il giovanissimo neo acquisto targato Beppe Marotta, con tocchi di classe e nessun timore davanti alla porta, ha già conquistato gran parte dei tifosi della Juventus.

 

Leggi anche–> Juve, anno nuovo vita nuova: vincere anche senza Conte

Leggi anche–> Chievo-Juventus: videogol, sintesi e highlights

Leggi anche–> Chievo-Juventus, le pagelle: Coman il migliore