Lazio-Inter, Felipe Anderson: “Vogliamo il secondo posto”

Alla porte della sfida dell’Olimpico tra Lazio e Inter a parlare è un uomo simbolo dell’esplosione della Lazio nella seconda metà del Campionato: Felipe Anderson. Il biancoceleste si racconta in un’intervista rilasciata al portale brasiliano Lancenet. La sua presenza in campo, ad oggi, è indispensabile. Polmoni di acciaio e muscoli tesi al massimo gli permettono di macinare kilometri sulle fasce di qualsiasi campo da calcio. La sua presenza è d’obbligo se la Lazio vuole competere per il secondo posto. Tutto suo il merito di questa esplosione calcistica? Certamente no, e il suo ringraziamento punta verso l’alto: “Sono molto grato a Dio per questo momento. Ho sempre lavorato sodo per essere un giocatore importante per la squadra e ora sto ottenendo questo. E’ stato solo il lavoro, mio, della società, dell’allenatore, e dei compagni, a permettere questa mia evoluzione”. 

Sono già 11 le reti del brasiliano, di cui uno in coppa. Rispetto alla passata stagione, in cui ne segnò solo 1, record nettamente superato. Il merito va anche al compagno di squadra Klose, uno che di goal se ne intende: “In precedenza mi aspettavo di segnarne di più, ma ho avuto sempre più fiducia nel mio potenziale e questo mi ha permesso di raggiungere questo risultato. Quest’anno la squadra sta bene, siamo uno dei migliori attacchi, l’allenatore lavora molto su questo aspetto. E poi c’è Klose: la cosa più bella di quando si è giovani è poter giocare con un capocannoniere come Miro. E’ importante ascoltarlo, lui poi è sempre disponibile. Ho imparato molto da lui, è stato uno dei segreti della mia esplosione.”

Manca poco al derby tra Lazio e Roma, anche se il derby nel derby si sta già giocando per il secondo posto in Campionato. Anderson è convinto: “Vogliamo arrivare secondi, è il nostro obiettivo. Se Dio vorrà, ci riusciremo. Potremo riuscirci solo pensando partita dopo partita. La città vive molto questa partita: i tifosi parlano tantissimo di derby, si aspetta solo quella data. Anche per i giocatori, il sogno è quello di giocare e di vincerlo“.

TUTTE LE NOTIZIE SU LAZIO-INTER