Lega Pro, il Pavia ceduto ai cinesi

La cessione del Pavia, club militante in Lega Pro, a una cordata di cinesi è una notizia storica per il calcio italiano. Mai, prima d’ora, un gruppo proveniente dalla Cina aveva messo le mani in pasta nel calcio italiano. C’erano stati tanti abboccamenti (Moratti aveva provato a coinvolgerli nell’Inter prima di passare la mano ad Erick Thohir, mentre ultimamente il presidente genoano Preziosi si era rivolto a industriali cinesi per il suo club) ma non si era mai concretizzato nulla.

Pierlorenzo Zanchi, ormai ex proprietario del Pavia, ha ceduto il suo club a Xiadong Zhu, proprietario del fondo Pingy Shanghai Investment. La trattativa si è chiusa ieri in un noto studio notarile pavese alla presenza di Kiang Ming Huang, rappresentante del fondo per l’Italia. Evento storico per l’Italia: dopo gli americani e gli indonesiani, il calcio di casa nostra apre anche ai cinesi a dimostrazione che il mondo del pallone è sempre più integrato nelle logiche della globalizzazione.

Leggi anche–> Lega Pro 2014-2015: tutte le squadre al via