Luis Suarez-Barcellona, dal morso a Chiellini a Bomber di Champions League

La carriera di Luis Suarez poteva entrare in una parabola discendente dopo il morso a Chiellini, ma da quando é arrivato al Barcellona è sempre più bomber di Champions League. Un attaccante implacabile, veloce, tecnico, potente e altruista: forse il più forte centravanti al momento. E non ha perso occasione per dimostrarlo ieri sera al Camp Nou, quando l’uragano uruguaiano si è abbattuto sulla povera Roma, uscita con le ossa rotte e con un 6-1 che sa tanto di dejavu. Il numero 9 blaugrana ha colpito i giallorossi per due volte; il primo gol facile facile, quasi a voler compensare la magnifica bellezza della seconda rete. Un destro di prima intenzione al volo da 16 metri, botta precisa e allo stesso tempo violenta. Pazzesco.

Luis Suarez: dal morso ai gol pesanti

È una fortuna che il percorso di questo grande bomber del calcio moderno non si sia mai arrestato. Eppure, ha provato più volte lui stesso a mettersi a bastoni tra le ruote. Protagonista? La sua prominente dentatura e il vizietto, oltre che del gol, anche del morso. Lasciamo a Freud la parte psicanalitica e concentriamoci sul fatto che dopo il morso in diretta mondiale a Giorgio Chiellini, Luis Suarez poteva finire nel dimenticatoio: una squalifica lunga, circa 4 mesi, per lui che si era appena trasferito al Barça. E invece, nonostante tutto, da ottobre scorso in poi, nella stagione 2014-15 il pistolero ha colpito 16 volte in Liga (su 27 giocate), 7 volte in Champions tra cui quello in finale (10) e 2 in Copa del Rey (6). E lo score di questa stagione è ancora più esaltante, con 17 gol in 19 gare, con la media di uno a partita in campionato e in Champions, compresi gli ultimi due morsi alla Roma. È il più forte numero 9 al mondo? 

[brid video=”20815″ player=”3036″ title=”Luis Suarez Fantastic Goal Barcelona vs AS Roma 30 Champions League 2015″]

Leggi anche: